Accordo tra le Acer di Parma, Reggio Emilia e Piacenza: ecco cosa prevede

Le tre Aziende Casa riuniscono le proprie professionalità in un protocollo di collaborazione finalizzato al risparmio e ll’efficienza dei servizi offerti

Le potenzialità dello scambio di prestazioni professionali e della creazione di una rete di servizi per il territorio in un Protocollo d'intesa sottoscritto dalle Acer di Parma, Reggio Emilia e Piacenza. E’ così che le Aziende si prefiggono di gestire il patrimonio di edilizia residenziale pubblica, mettendo insieme il meglio delle proprie competenze per rispondere in modo adeguato alle nuove esigenze degli inquilini delle case popolari. Le firme apposte sul documento sono dei Presidenti di Parma Bruno Mambriani, di Reggio Emilia Marco Corradi e di Piacenza Patrizio Losi.

«E’ impensabile che si continui ad operare ognuno per proprio conto – sottolineano i tre Presidenti Acer – La consuetudine di “coltivare il proprio orticello” non porta da nessuna parte, in nessun settore. Siamo territori con esigenze simili e non si tratta solo di confini geografici. I nostri utenti appartengono ad una fascia di emergenza sociale che richiede risposte straordinarie. Oggi come oggi, le Acer – che per Statuto si occupano della manutenzione degli alloggi – non possono limitarsi al proprio compito istituzionale. I finanziamenti statali per il settore sono ridotti all’osso e, per poter mantenere la qualità del servizio offerto, dobbiamo ottimizzare le risorse».

In concreto, le tre ACER procederanno ad una riorganizzazione delle risorse umane e delle infrastrutture necessarie per realizzare gli obiettivi aziendali, tra i quali l'attività tecnica di progettazione ed esecuzione di interventi edili di nuova costruzione, l'efficientamento energetico, il recupero edilizio e la manutenzione straordinaria degli stabili, l'attività di controllo degli inquilini già insediati, l'accertamento delle responsabilità e la mediazione dei conflitti, la gestione sociale del patrimonio, l'attività di sviluppo e di controllo delle autogestioni, delle amministrazioni condominiali e delle gestioni di fatto delle parti comuni dei fabbricati, l'attività di supporto contabile e di elaborazione dei dati, il coordinamento delle attività di formazione del personale; ogni attività condivisa sarà corredata da un piano economico–finanziario e da una relazione di sintesi dove saranno dettagliati i miglioramenti funzionali, i risparmi di spesa e/o i maggiori ricavi di ogni singola azienda.«Potremmo definire il nostro un esperimento “pilota” che ci piacerebbe si potesse ulteriormente estendere ad altre realtà. Dobbiamo evidenziare il ruolo che le Acer devono assumere in merito alle politiche sociali e abitative a livello interprovinciale. E’ un dibattito che deve essere allargato e sul quale ci aspettiamo l’appoggio da parte delle Amministrazioni locali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Precipita da una ferrata: durante un'escursione: muore 33enne parmigiano

Torna su
ParmaToday è in caricamento