"Autisti Alma non pagati": presidio dei lavoratori davanti al magazzino di Amazon a Parma

Cgile e Cisl: "I lavoratori sono transitati in un'altra società appaltatrice, e si sono rivolti ad Amazon come responsabile in solido"

I sindacati Cgil e Cisl accendono i riflettori sul caso degli autisti che lavoravano alle dipendenze di Alma, ex società appalatatrice di Amazon. "Nei magazzini Amazon di Parma, Bologna e Cesena - esordiscono i due sindacati -  partono i pacchi che contengono gli acquisti fatti on-line per tutta l'Emilia Romagna, più di 200 autisti lavoravano in appalto alle dipendenze di Alma SpA, da questa i lavoratori sono transitati ad un'altra società appaltatrice tramite accordo sindacale ma senza che gli venissero corrisposti gli ultimi stipendi e il TFR".

"Visto il commissariamento della società Alma e l'apertura di una procedura concorsuale che congela il patrimonio dell'azienda, i lavoratori - spiegano Cgil e Cisl - si sono rivolti alla società committente Amazon esercitando il proprio diritto verso il committente, vincolato dalla responsabilità solidale prevista dalla legge a garanzia dei crediti dei lavoratori".

Dettagliano i sindacati: "Dopo una prima e immediata risposta con cui Amazon si impegnava al pagamento diretto ai lavoratori, avendo anche in mano le ultime fatture emesse da Alma per i servizi resi, non solo non ha dato seguito agli impegni presi, ma ha chiuso il dialogo coi lavoratori, diversamente da molte altre società committenti della stessa Alma su tutto il territorio nazionale, che invece hanno saldato subito i crediti dei lavoratori.  Ciò nonostante, i lavoratori non hanno interrotto il servizio nei magazzini, che prosegue tutt'ora in tutta la Regione (domenica compresa)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il nuovo appaltatore si è reso disponibile ad anticipare una parte delle future spettanze, viste le difficoltà economiche in cui i lavoratori sono venuti a trovarsi, ma la situazione rimane irrisolta perché una mensilità e mezzo ed il TFR dovuti non sono stati corrisposti.
"Per questo i lavoratori di Cesena, Bologna e Parma daranno vita ad un presidio alle ore 17:30 di martedì davanti ai rispettivi magazzini insieme alla Filt Cgil e Fit Cisl per chiedere ad Amazon, nella sua qualità di committente e quindi per legge responsabile in solido, di provvedere immediatamente al pagamento di quanto ancora dovuto dal proprio appaltatore Alma SpA".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizzarotti furioso: "Non è una gara a chi è più stupido"

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • Amazon apre un nuovo deposito di smistamento a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento