amo colorno lancia l'hashtag #giustiziaperfilo

Iniziativa nazionale con richieste allo stato ed eventi a tutela della violenza sulle donne

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il terribile omicidio avvenuto a San Polo di Torrile il 22 agosto 2018, ai danni di Filomena Cataldi, ha scosso l’intera collettività. Filomena era una persona buona e sempre disposta ad aiutare gli altri. Era innata la sua natura benevola, confermata anche dal suo meraviglioso sorriso. L’omicida, un vicino di casa di origini cinesi con un lavoro e con una famiglia, è stato detenuto in una Rems in attesa del giudizio finale della legge Italiana, che lo assolverà di certo, per incapacità d’intendere e volere. Non detenuto in una Rems qualsiasi, ma nella Rems di Casale di Mezzani. Struttura groviera da cui negli ultimi anni, in tanti sono riusciti a fuggire, causando un vero e proprio problema di sicurezza anche ai territori limitrofi. Giudicato dagli stessi giudici, come soggetto ad “alta pericolosità sociale”, Gueling Fang, ha approfittato del fisico gracile di Filomena, sfruttando la propria forza fisica, accanendosi contro di lei con una violenza inaudita, come una bestia avventata sulla sua preda, che in realtà altro non era che una dolcissima donna, dall’animo puro e dal vivere semplice. Ciò che è accaduto in quell’orribile ed indimenticabile giorno d’estate, ancora oggi lacera le membra dei suoi famigliari così come farebbe una lama affilata. La sorella Rosangela, non riesce più a vivere, in quanto unita a Filomena in un armoniosa fusione. La figlia di Filomena è stata costretta a chiedere supporto a degli psicologi, per la sua neonata ossessione di fare la fine della madre. Tutto questo sembrerebbe abbastanza, ma non lo è. La beffa arriva anche dallo stato, che non ha mai ritenuto giusto provvedere alla reale istituzione di un fondo per le famiglie delle vittime, che ad oggi, non possedendo il patrocinio gratuito devono pagare di propria tasca tutte le spese legali. Insomma una situazione surreale che non fa altro che prolungare l’incubo di una famiglia, che forse mai riuscirà a riprendersi da quel tragico evento avvenuto ad agosto del 2018. Per tali motivi, il gruppo Amo Colorno ha deciso di lanciare un appello nazionale con l’hashtag #giustiziaperfilo. L’hashtag ricondurrà a delle richieste che da tempo facciamo allo stato, a cui seguiranno diversi eventi a tutela delle donne vittime di violenza, oltre a una raccolta firme atta a chiedere l’utilizzo dell Rems di Casale di Mezzani, come struttura unicamente sanitaria e non di detenzione. Il simbolo utilizzato per ricondurre a tutto questo sarà un cuore con la "F" all'interno. E' un cuore per Filomena e per tutte quelle donne che sono state uccise e che tuttora subiscono violenza. Affinché tutte loro abbiano vera giustizia. Ciò che chiederemo con estenuante insistenza è: NO a: - sconti di pena per stupratori, pedofili e assassini - assoluzione per stupratori, pedofili e assassini anche in caso di incapacità d'intendere e volere - al rito abbreviato - alle REMS per stupratori, assassini e pedofili e SI per: - L'istituzione di un fondo governativo a favore delle famiglie delle vittime di femminicidio. #giustiziaperfilo e per tutte le donne vittime di violenza. Il coordinamento del gruppo AMO - COLORNO

Torna su
ParmaToday è in caricamento