Analisi qualità aria Borgo Val di Taro, Rainieri: "Risultati differenti nelle due relazioni"

Le due relazioni, si legge nell'interrogazione, riguardanti le rilevazioni del 2 febbraio 2017, sarebbero quella del direttore del servizio Igiene e sanità pubblica dell'Ausl di Parma e quella contenuta nel documento di aggiornamento sulle misure aria ambiente in esterno elaborato da Arpae Parma

Per le analisi sulla qualità dell'aria a Borgo Val di Taro del febbraio 2017 esistono due documenti che riportano risultati differenti: uno sottoscritto dal direttore del servizio Igiene e sanità pubblica dell'Ausl di Parma e l'altro contenuto nel documento di aggiornamento sulle misure aria ambiente in esterno elaborato da Arpae Parma. A metterlo nero su bianco è Fabio Rainieri (Ln) in un'interrogazione, depositata oggi, nella quale chiede spiegazioni all'esecutivo regionale. La questione riguarda le emissioni di odori nauseabondi che hanno investito il comune del Parmense e che, scrive il consigliere nell'atto ispettivo, "si sospetta siano causate dalla produzione di ceramiche della Laminam".

Non solo: Rainieri mette in evidenza che "nel documento dell'Ausl di Parma il valore di acroleina, principale sostanza sospettata di causare le emissioni odorigene e fortemente dannosa per la salute, è di 0,68 mg/Nm3. Un dato che però- rimarca il leghista- deve essere correlato al livello di produzione di quel giorno, che era di un terzo di quella massima autorizzata". E aggiunge: "è anche quasi certamente notevolmente inferiore al reale perché rilevato con un metodo (Epa To 11A) che a camino, secondo la quasi unanimità degli studi scientifici sulla materia, sottostima la concentrazione della acroleina del 70-90 per cento".

Infine, Rainieri ritorna sulle parole del sindaco di Borgo Val di Taro che nel gennaio 2017 "dichiarò pubblicamente- sottolinea l'esponente del Carroccio- che Ausl e Arpae Parma stavano effettuando controlli caratterizzati da campionature specifiche e particolari, le quali, anche se ancora in corso, consentivano già di affermare che non vi erano emissioni fuori norma. Ma le prime analisi- specifica Rainieri- sono state effettuate il 2 febbraio e non ne risulta alcuna a gennaio".

Per questo chiede alla Giunta regionale se "esistano analisi effettuate a Borgo Val di Taro nel gennaio 2017, come affermò il sindaco," e in caso affermativo "per quali motivi non risultino nella documentazione ufficiale prodotta da Arpae e Ausl di Parma".

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

  • Verità e falsi miti sui rimedi anti medusa

I più letti della settimana

  • Chiesi, 4 lettere di licenziamento: parte lo stato di agitazione

  • Respiccio di Fornovo: 53enne muore mentre spegne un incendio

  • Ecco il nuovo Gruppo Parmense Pizzerie di Qualità

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • Incendio nel bagno, 14enne ustionato alle gambe: gravissimo al Maggiore

  • "Tornatevene in Africa! L'autista ha insultato quei due ragazzi solo perchè neri"

Torna su
ParmaToday è in caricamento