Assunzioni in Comune: archiviate le indagini per abuso d'ufficio contro Pietro Vignali

Il Giudice per le Indagini preliminari ha accettato la richiesta del Pubblico Ministero: tutti i dettagli

Le indagini a carico dell’ex sindaco di Parma Pietro Vignali, per abuso d’ufficio, relative ad alcune assunzioni all'interno del comune di Parma durante la sua giunta che ha governato la città dal 2007 e fino alle dimissioni del 2011 - dopo le veeementi proteste di piazza in seguito allo scandalo della corruzione che lo ha coinvolto - sono state archiaviate dal Tribunale di Parma, che ha accolto la richiesta effettuata dal Pubblico Ministero. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il criterio previsto dalla legge per l’assunzione appare del tutto rispettato e non può essere invocata la violazione solo sulla base della considerazione che tali nomine in realtà nascondono assunzioni clientelari, circostanza non provata” ha scritto il Pubblico Ministero nella richiesta di archiviazione, accettata dal Giudice delle indagini preliminari. Il decreto di archiviazione era stato emanato dal Tribunale di Parma il 3 marzo scorso ma a causa del lockdown l’ex Sindaco ne è potuto venire a conoscenza solo domenica 28 giugno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Nuova ordinanza: dal 26 giugno i posti a sedere su bus e treni possono essere occupati al 100%

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Ospedale Maggiore: nessun paziente Covid in terapia intensiva

Torna su
ParmaToday è in caricamento