I cittadini del Pablo: "Ma quali baby gang, qui mancano i servizi per le famiglie in difficoltà"

Dopo il caso mediatico delle 'bande giovanili' in piazzale Pablo siamo andati sul posto per verificare la situazione. Parlano i cittadini: "Sono bambini e preadolescenti, non hanno un campo da calcio dove giocare, vanno aiutati e tutelati"

La chiesa in piazzale Pablo a Parma

A qualche mese di distanza da alcuni interventi nel quartiere Pablo, incentrati sul fenomeno della violenza giovanile e delle baby gang abbiamo deciso di andare sul posto per parlare con alcuni cittadini che abitano in quartiere e che vivono la realtà della chiesa e del piazzale. Recentemente si è tornati a parlare del Pablo per l'episodio che ha coinvolto alcuni ragazzini, che sarebbero entrati all'interno della chiesa, interrompendo la funzione. Il problema che i cittadini rilevano è più che altro quello della mancanza dei servizi, a sostegno di alcune famiglie in difficoltà economica. 

"Il rapporto con la chiesa è molto altanelante - ci racconta il primo cittadino che incontriamo- anche perchè rimane chiusa per molte ore durante la giornata e apre solo verso sera, per la messa delle 18. Probabilmente i fatti sono successi perchè non c'è un controllo reale di ciò che accade intorno alla chiesa. Secondo noi ci sono tanti ragazzi che giocano: in mezzo ci sarà anche qualche testa calda ma tutto questo non giustifica quello che è successo".

E' vero che le baby gang hanno preso d'assalto la chiesa? "Non lo posso dire perchè non l'ho visto con i miei occhi - ci racconta una donna che vive a pochi passi da piazzale Pablo. Quello che posso dire è che ci sono alcune criticità sociali e culturali di famiglie che dovrebbero essere aiutate dai servizi sociali. Ci sono alcuni ragazzi che sono soli durante la giornata e fanno anche cose da incoscenti ma sostanzialmente il problema è che mancano i servizi del Comune che tutelino le famiglie con disagi economici. Certi ragazzi potrebbero essere inseriti all'interno di qualche struttura dove li aiutino a fare i compiti. Una volta c'era l'oratorio, oggi invece non c'è più e questi ragazzi non hanno un campo da calcio dove giocare. Magari lo fanno dove non dovrebbero ma non è propriamente colpa loro, i ragazzi vanno guidati e tutelati. Non c'entra essere italiani o stranieri: vale per tutti!"

"Dal mio punto di vista servono delle figure di riferimento, - ci racconta un'altra donna che vive in zona- degli adulti che facciano da tramite tra il mondo della parrocchia e questi ragazzi, serve un percorso educativo che per adesso non è ancora stato iniziato e tantomeno portato avanti. Questo allarmismo è ingiustificato: noi viviamo il piazzale e sappiamo che si tratta di bambini della scuola dell'infanzia e preadolescenti. E' vero che sono lasciati a loro stessi ma noi le baby gang non le abbiamo mai viste"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento