Bocconi avvelenati a Colorno

Da Amo Colorno arriva la richiesta di videosorveglianza, di fototrappole e di più aree cani sicure

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il giorno 23 gennaio in una villetta di strada martin Luther King a Colorno, sono stati ritrovati dei “bocconi avvelenati”. Ciò ha fatto pensare ad un tentativo di addormentare i cani per tentare un furto in abitazione. Il comune di Colorno ha già posizionato per la via dei cartelli che consigliano la massima attenzione, tenendo i cani provvisti di guinzaglio e museruola. Ad oggi il gruppo AMO - COLORNO ha ricevuto l’ennesima segnalazione della presenza sempre di bocconi avvelenati sull’argine del Lungolorno in direzione Coltaro di Sissa. Una situazione allarmante e preoccupante che mette a rischio la vita dei nostri amici a 4 zampe. Allo scopo di scoprire gli autori del reato penale, per i quali la legge prevede la reclusione dai 3 ai 18 mesi è essenziale predisporre un sistema di sorveglianza elettronica sul territorio, con l’ausilio o di videocamere oppure come sta avvenendo nelle campagne di Spoleto in Umbria, per scoprire chi abbandona i rifiuti, di “fototrappole”. Le fototrappole funzionano anche di notte e si attivano al momento in cui rilevano del movimento, scattando delle fotografie di ottima qualità. La sorveglianza tecnologica sul territorio avrebbe lo scopo anche di garantire maggiore sicurezza ai cittadini e di poter riconoscere coloro che vandalizzano e degradano il territorio, abbandonando rifiuti o vandalizzando il bene comune. E’ poi anche fondamentale pensare di realizzare un maggior numero di aree cani comunali, per le quali andrà garantita la sicurezza. Nella speranza che il fenomeno non dilaghi, è importante ricordare di denunciare sempre il ritrovamento di bocconi avvelenati, avvisando tempestivamente le forze dell’ordine, e nel malaugurato caso in cui il nostro animale domestico li ingerisca, tenere tranquillo l’animale e recarsi subito dal veterinario, lasciando perdere i rimedi fai-da-te. IL GRUPPO AMO - COLORNO

Torna su
ParmaToday è in caricamento