Bomba nel greto del Taro: 5 mila evacuati a Borgotaro

Ecco l'imponente servizio di sicurezza: tutte le informazioni per i cittadini

Domenica 1° luglio si terranno le attività di bonifica e brillamento dell’ordigno bellico trovato a Borgotaro, precisamente in località Ghiaia Campana, sul greto del fiume Taro. La bonifica verrà effettuata dal secondo reggimento Genio pontieri di Piacenza. La Prefettura di Parma ha predisposto un ampio dispositivo di sicurezza per consentire il regolare svolgimento delle operazioni: saranno impegnati  forze dell’ordine, polizia stradale, vigili del fuoco, personale del Comune, volontari della Protezione civile, Croce rossa italiana e delle pubbliche assistenze, Ausl, oltre a Montagna 2000, 2iRete Gas, Consorzio Citea, Enav, Telecom Italia e Rfi e Enel. A partire dalle 7 di mattina scatterà l'evacuazione di 5 mila persone che vivono nel perimetro di sicurezza di 1960 metri. I cittadini verranno accolri nell'area ex Rapetti e nella struttura di accoglienza allestita a Magrano Ostia Parmense. Le arterie stradali saranno presidiate dalla polizia che controllerà anche la presenza di eventuali sciacalli, che potrebbe approfittare delle abitazioni lasciate vuote. l Comune di Borgo Val di Taro ha attivato un call center tel. 328 / 63511008

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • Tragico incidente a Castione Marchesi: muore un bimbo di tre anni

  • "La Pianura Padana è una camera a gas"

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • Maxi blitz di polizia, carabinieri e finanza: città al setaccio

  • Morte del piccolo Aurelio: "Il quartiere è dilaniato dal dolore e si stringe intorno ai genitori"

Torna su
ParmaToday è in caricamento