Gravi carenze igieniche: chiuso un ristorante di sushi in via Emilia Est

La cucina e la dispensa erano in pessime condizioni, utensili e contenitori sporchi, sul piano di lavorazione c'erano gamberi sfusi vicino a detersivi sfusi

Continuano i controlli congiunti del Reparto di Polizia Annonaria Amministrativa della Polizia Municipale e del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione del Servizio Sanitario Regionale Emilia Romagna, con verifiche a tutela dei consumatori. Nello specifico, è stato ispezionato un pubblico esercizio in via Emilia Est, apparentemente ordinato ed in perfette condizioni igienico sanitarie ma, con “dispense” e cucina in pessime condizioni. Al controllo degli ispettori utensili e contenitori, destinati ad uso alimentare, si presentavano sudici rovinati ed in parte rotti. Ceppi di lavorazione stoccati a terra vicino al bidone dei rifiuti. Sul piano di lavorazione detersivo sfuso vicino a gamberi sfusi. Nell’area di lavorazione sushi era presente del pesce conservato in frigo privo di alcuna indicazione e non bonificato (la scheda di abbattimento compilata al 17/11 con impiego 20/11). Il pesce è stato alienato immediatamente.

Tale situazione ha portato il Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione del Servizio Sanitario Regionale Emilia Romagna a disporre la chiusura immediata dell’attività fino al ripristino delle condizioni igienico sanitarie, con comunicazione al settore competente del Comune di Parma per il prosieguo di competenza. Inoltre l’attività è stata sanzionata per la carenza d’igiene ed il non rispetto della procedura di lavorazione del Sushi (abbattimento), per la mancata esposizione degli orari di apertura e chiusura e la mancata esposizione esterna del menù.

"Si conferma l'ottimo lavoro degli agenti del Reparto Polizia Annonaria della Polizia Municipale e del SIAN" commenta l'Assessore alla Sicurezza del Comune di Parma Cristiano Casa "Continuano i controlli a tappeto sul nostro territorio a tutela della salute dei consumatori e della concorrenza. Continueremo con rigore, sia perchè quello che viene riscontrato in questi esercizi è inaccettabile, sia perchè nella città di Parma, dove il cibo è una colonna portante di identità ed attrattività, non è possibile vi siano esercizi commerciali che prestano scarsa attenzione alle materie prime ed alla tutela della salute dei clienti. A Parma attività di questo tipo hanno, e continueranno ad avere, la vita difficile".  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Choc a Compiano, 65enne rapinato e picchiato nella sua villa dal vicino di casa: 25enne in manette

  • Cronaca

    Via d'Azeglio, spaccia cocaina agli studenti davanti all'Università: arrestato pusher 25enne

  • Cronaca

    "Il cellulare tra le cause principali degli incidenti mortali"

  • Attualità

    Gli studenti del Romagnosi non ci stanno: "Ma che fascismo..."

I più letti della settimana

  • "Sniffo cocaina per essere più produttiva al lavoro: spendo mille euro al mese"

  • WhatsApp, la 'maledizione' di Momo arriva anche a Parma: allarme per gli smartphone dei ragazzini

  • Maltempo: in arrivo abbondanti nevicate su Parma

  • Lavoro nero e cibo mal conservato: chiuso un bar in centro

  • Sciopero nazionale dei trasporti del 21 gennaio: possibili disagi anche a Parma

  • Patenti false e matrimoni combinati, stroncata banda italo-dominicana: in azione anche a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento