Cibus: ecco che fine hanno fatto le 17 tonnellate di cibo in eccedenza

Sono state raccolte dal Banco Alimentare grazie a 43 volontari

17 tonnellate di cibo sono state raccolte nella giornata conclusiva di Cibus, la fiera internazionale dell’alimentare italiano, terminata ieri 10 maggio a Parma. La raccolta di alimenti, resa possibile grazie all’iniziativa “Cibus FOOD Saving” frutto dell’accordo tra Banco Alimentare e Fiere di Parma, è stata effettuata grazie a oltre 43 volontari di Banco Alimentare, l’organizzazione non profit che dall’89 recupera eccedenze dalla filiera alimentare, riducendo lo spreco e dando agli alimenti ancora buoni un nuovo valore sociale.

“Ringraziamo tutti i volontari, Fiere di Parma, e le oltre 110 aziende donatrici (e le altre 40 che hanno donato alimenti durante i recuperi) che con entusiasmo hanno aderito, permettendo di recuperare tanto cibo prezioso e di grande valore nutrizionale ed economico” – ha dichiarato Giuliana Malaguti, responsabile comunicazione Banco Alimentare.

35 strutture caritative, che operano nel parmense, stanno ricevendo in queste ore gli alimenti recuperati, che verranno consegnati a tante persone e famiglie in difficoltà sul territorio.

“Il successo dei recuperi di ieri – continua Giuliana Malaguti - conferma una accresciuta sensibilità al problema dello spreco alimentare e il progressivo affermarsi di una cultura del recupero di cibo, a beneficio di tutti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Bollino antifascista, Pizzarotti sul ricorso al Tar: "Proponetelo tutti per un'Italia antifascista"

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • Choc in centro: "I ragazzini delle baby gang si lanciano sotto ai bus in marcia"

  • "Columbus, lo stabilimento di Martorano chiuderà nei primi mesi del 2020: a rischio centinaia di posti"

  • Maltempo, perturbazione in arrivo: da giovedì neve a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento