colorno e le strade perennemente dissestate

La manutenzione stradale deve essere priorità.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

I cittadini vogliono segnalare ancora una volta lo stato di salute delle strade colornesi. Da noi è difficile trovare una via immune da crepe ed avvallamenti. Difficilmente è possibile trovare un manto stradale in condizioni decenti. Merito di ciò va attribuito alla mancata manutenzione dell’asfalto che con il passare delle stagioni più fredde e piovose e a causa del costante passaggio di mezzi pesanti, si deteriora sempre di più. Esempio eloquente è quello delle strade: via Sauro e via Barilli, parallele piuttosto nascoste della via IV Novembre che non è immune dagli stessi problemi. Entrambe le vie si trovano in condizioni pietose da almeno dieci anni. I residenti specie quando piove, si trovano a dover fare i conti con delle pozze di acqua piuttosto profonde che rendono invisibili e pericolose le buche. Non sono nuovi infatti casi di veicoli che hanno ricevuto danni agli ammortizzatori e ai cerchioni. I marciapiedi in alcuni tratti sono rischiosi e impraticabili con la pioggia e mentre tutto questo ormai viene considerato tristemente la normalità, sul passo pedonale di via Sauro, troneggiano dal mese di giugno di quest’anno, delle transenne di cantiere, quasi a voler comunicare ai residenti: “state tranquilli che prima o poi inizieremo a lavorarci”. Una situazione inaccettabile per il nostro comune. Ci sono strade anche messe peggio. Basti pensare a Strada della Selva, praticata spesso dagli impavidi automobilisti a forte velocità. Una strada importante che conduce al macello Sassi. Strada che sbuca verso l’Asolana e che porta a Torrile, anche carente di illuminazione. Altra strada molto pericolosa è la Via Melloni che costeggia la ditta Cerve e l’ingresso della Wittur. Una via piena di dislivelli a causa dei rattoppi fatti negli anni e ricoperta di buche. Non è accettabile lo stato delle strade colornesi. Si possono accettare piccole imperfezioni dovute agli anni e al passaggio dei veicoli, ma quando una strada su due è ricoperta di buche più o meno profonde e specie a ridosso delle zone periferiche o delle frazioni, si supera il limite di tolleranza. Forse l’argomento è poco importante e poco degno di nota per chi non vive a Colorno, ma noi che ogni giorno le pratichiamo, riteniamo essenziale per un comune il buon stato di salute della rete stradale. Occorre un serio piano di recupero dell’asfalto, perlomeno in presenza di crepe e buche di una certa profondità e pericolosità. Il gruppo AMO - COLORNO

Torna su
ParmaToday è in caricamento