Centro storico, la protesta dei residenti del centro: "Il degrado avanza"

Gli esponenti del neonato comitato Parma In Centro: "L’assenza di finestre di ingresso in tutte le aree del centro storico rappresenta una ingiustificata limitazione alle più elementari esigenze di vita a cominciare proprio da quella della libertà personale"

Alcuni residenti del centro storico, riuniti nel neocomitato Parma in Centro, stanno raccogliendo le firme, che sono già più di cento, contro la chiusura del centro storico alle auto e la 'blindatura' della zona centrale della città. 

LA LETTERA - Il comitato” Parma in Centro”, fondato da una ventina di persone e che in pochi giorni ha raccolto più di un centinaio di adesioni e che continua a crescere, ha come scopo quello di porre l’attenzione su quali ulteriori ripercussioni negative possano conseguire al progetto di “blindatura “ del centro storico, così come progettata e fermamente voluta dalla nostra amministrazione.

Da un esame dei dati statistici demografici forniti ad oggi dal Comune stesso, si nota che c’è stato un abbandono da parte dei residenti parmigiani sostituiti da cittadini stranieri. Il 53,7% dei nuclei famigliari sono monocomponenti. La scarsa fruibilità dei servizi e dell’accessibilità ha fatto sì che per le famiglie il centro non sia più appetibile. Lo stato di degrado in cui in questi anni il nostro centro storico è precipitato è sotto gli occhi di tutti. L’aumento di delinquenza rilevato in questi ultimi tempi non è altro che lo specchio di ciò che sarà sempre più evidente in futuro. Pizzarotti, con la sua politica volutamente miope, ci vuole riportare al Medioevo quando il centro era fortificato.

Secondo il nostro Sindaco il centro storico diventerebbe così il fiore all’occhiello della città ma in realtà si otterrà l’effetto opposto con ulteriore abbandono di residenti e commercianti storici per far posto a iniziative economiche di scarso pregio. Ci chiediamo inoltre se sia giustificabile una battaglia contro chi usa l’auto , soprattutto per motivi di lavoro, per migliorare la qualità dell’aria dal momento che si sa che il maggior inquinamento è prodotto da altri fattori quali: forno inceneritore, crematorio, vecchie caldaie, autostrada e prossimamente cargo con relativo aumento di tir. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’assenza di finestre di ingresso in tutte le aree del centro storico rappresenta una ingiustificata limitazione alle più elementari esigenze di vita a cominciare proprio da quella della libertà personale. Siamo seriamente preoccupati per la situazione e abbiamo in cantiere diverse iniziative alle quali inviteremo l’amministrazione per un confronto costruttivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento