Divieto di circolazione per gli euro 4, la Lega: "Il prezzo non può essere pagato dai cittadini"

La Lega si oppone al provvedimento e nel corso di una conferenza stampa tenuta in Piazza Garibaldi che ha visto la partecipazione dei parlamentari Laura Cavandoli, Gabriella Saponara, Maurizio Campari, del consigliere regionale Fabio Rainieri e del capogruppo in consiglio comunale Emiliano Occhi

Oltre 10.000 parmigiani saranno costretti a cambiare le loro auto entro il 1° di ottobre in base alle disposizioni della Regione recepite dal Comune di Parma che vieta la circolazione dei veicoli diesel euro 4 privati e commerciali entro l’anello delle tangenziali in anticipo di due anni rispetto al limite del 2020 previsto dall’accordo con le regioni della Pianura Padana.

La Lega si oppone al provvedimento e nel corso di una conferenza stampa tenuta in Piazza Garibaldi che ha visto la partecipazione dei parlamentari Laura Cavandoli, Gabriella Saponara, Maurizio Campari, del consigliere regionale Fabio Rainieri e del capogruppo in consiglio comunale Emiliano Occhi sono state illustrate alla stampa  le interrogazioni presentate sull’argomento a tutti i tre i livelli istituzionali: ministeriale, regionale e comunale. Tutte le interrogazioni chiedono che anche in Emilia Romagna si faccia come nelle altre regioni della Pianura padana che hanno limitato il divieto di circolazione dei Diesel fino agli euro 3 e che i cittadini ricevano un’informazione adeguata. 

“Anche noi – spiega Emiliano Occhi, capogruppo in consiglio comunale - siamo contro l’inquinamento, ma il prezzo non può essere totalmente pagato dai cittadini. Pizzarotti e l’assessore Benassi dicono che i parmigiani devono modificare le loro abitudini: di cosa parlano? I parmigiani non usano l’auto per diletto, ma per portare i figli a scuola, per andare al lavoro o direttamente per lavoro come gli artigiani. Certi politici vivono in un mondo che non è quello della gente reale”.

“Non è giusto chiedere sacrifici ai cittadini quando la maggior parte dei mezzi pubblici è fuorilegge e viaggia in deroga – aggiunge il senatore Maurizio Campari che ha presentato l’interrogazione al Ministero dell’Ambiente insieme a Laura Cavandoli e a tutti i parlamentari emiliani del Carroccio – il divieto di circolazione entro le tangenziali, vieta di fatto la circolazione in tutta la città e in tutte le città della regione. Le migliaia di parmigiani che si trovano in pochi mesi a dover cambiare l’auto, non l’hanno fatto fino ad oggi non per capriccio, ma perché non tutti ne hanno la possibilità”. 

“A pochi giorni dall’entrata in vigore del provvedimento – sottolinea l'onorevole Laura Cavandoli -  il sindaco di Parma non ha ancora emanato l’ordinanza: il primo di ottobre più di diecimila parmigiani che possiedono un veicolo euro 4 saranno fuorilegge e molti di loro nemmeno lo sanno. Dovranno cambiare l’auto in fretta e furia per non incorrere nelle sanzioni pesantissime previste: da 164 a 663 euro e, in caso di reiterazione, la sospensione della patente. Forse anche questo è un modo per il Comune per fare cassa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le altre regioni della Pianura Padana: Lombardia, Veneto e Piemonte – aggiunge il consigliere regionale Fabio Rainieri – rispettano gli accordi e dal primo ottobre metteranno al bando solo i veicoli fino agli Euro 3. Solo l’Emilia Romagna anticipa di due anni la messa al bando degli Euro 4. Sarebbe sufficiente seguire l’esempio di quelle regioni che hanno a cuore le esigenze dei cittadini. Ad oggi, tra l’altro, gli incentivi previsti dalla Regione sono insufficienti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

Torna su
ParmaToday è in caricamento