Donazioni al Dipartimento di Medicina e Chirurgia da “Augusto per la Vita” e Fondazione Martalive

Le donazioni destinate al Laboratorio di Oncologia Sperimentale dell’Ateneo per la ricerca traslazionale sui tumori polmonari e sul mesotelioma pleurico maligno

 Sono state presentate questa mattina in conferenza stampa due donazioni, da parte dell’Associazione “Augusto per la Vita” e della Fondazione Martalive, destinate al Laboratorio di Oncologia Sperimentale dell’Università di Parma e finalizzate al sostegno della ricerca traslazionale sui tumori polmonari e sul mesotelioma pleurico maligno coordinata dai proff. Pier Giorgio Petronini e Marcello Tiseo.

Sono intervenuti alla presentazione il Rettore Paolo Andrei, il Responsabile scientifico del Laboratorio di Oncologia Sperimentale Pier Giorgio Petronini, il Coordinatore del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale di Oncologia Toracica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Marcello Tiseo, Rosanna Fantuzzi, Presidente dell’Associazione “Augusto per la Vita”, Costantino Nurizzo, Presidente della Fondazione Martalive e il chitarrista dei Nomadi Cico Falzone.

Gli obiettivi principali dei progetti di ricerca che sono stati finanziati, che hanno lo scopo di rendere sempre più personalizzata ed efficace la terapia antineoplastica, saranno:

identificazione di nuovi bersagli tumorali
validazione di nuovi trattamenti terapeutici (terapia a bersaglio molecolare, immunoterapia)
superamento dei meccanismi di resistenza a terapie tradizionali e a bersaglio molecolare
utilizzo di terapie combinate (associazione di farmaci a target molecolare con altre terapie biologiche o con farmaci chemioterapici standard).
Le donazioni della Associazione “Augusto per la vita” e della Fondazione Martalive ONLUS, da sempre vicine ai ricercatori dell’Università di Parma, rappresentano un motivo di orgoglio per l’Ateneo e confermano come i contributi di organizzazioni private siano fondamentali per il sostegno della ricerca pubblica in Italia.

L’Associazione “Augusto per la Vita”, presieduta da Rosanna Fantuzzi, compagna del cantante storico dei Nomadi, fondata da lei e dagli amici più cari di Augusto, ha tra i suoi obiettivi principali quello di raccogliere fondi per incentivare e promuovere la ricerca sul cancro. Con il contributo di 13.000 euro assegnato in questa occasione all’Università di Parma, l’Associazione ha raggiunto in ventisette anni di attività il traguardo del milione di euro donati per la ricerca, di cui 110.000 al gruppo di ricerca coordinato dal prof. Petronini.

La Fondazione Martalive ONLUS è stata costituita dall’Associazione Marta Nurizzo e ne prosegue l’opera iniziata nel 1996 in ricordo di Marta. Gli obiettivi della Fondazione sonoil sostegno alla ricerca sulle neoplasie polmonarie il miglioramento delle cure e l’accoglienza solidale a Casa Marta dei malati in cura a Milano e dei loro familiari. Con il contributo di 8.000 euro consegnato in questa occasione la Fondazione (e prima l’Associazione) hanno effettuato donazioni al Laboratorio di Oncologia Sperimentale dell’Università di Parma per 59.000 euro, finanziando una borsa di studio biennale (2008-09), donando un incubatore per colture cellulari a tensione variabile di ossigeno (2010) e uno Scanner per Imaging (2016).

Augusto Daolio è nato a Novellara (Re) il 18 febbraio 1947. A sedici anni iniziò la sua avventura musicale con il complesso dei Nomadi, attività che fu per lui, fino agli ultimi momenti della sua vita, essenziale e per la quale il suo impegno fu totale. L’attività musicale di Augusto e del suo complesso, di cui era il leader carismatico, ha segnato un’epoca e per tanti giovani degli anni Sessanta e Settanta le loro canzoni furono una bandiera. La pittura, altro suo grande impegno artistico, non è mai stata un’attività subalterna a quella musicale ed era frutto delle sue capacità naturali ed istintive. Augusto Daolio muore il 7 ottobre 1992 per una forma di cancro ai polmoni.

Marta Nurizzo nasce a Milano il 1° novembre 1973 e muore l’11 maggio 1995, dopo aver combattuto per un anno - senza abbandonare gli studi universitari - la sua battaglia contro un carcinoma bronchiolo-alveolare. In sua memoria sono stati anche pubblicati il libro che contiene le poesie da lei scritte (La gioia è veloce, ed. Salviati) e il Quaderno che raccoglie pensieri e riflessioni desunti del suo diario.

Potrebbe interessarti

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Morso del ragno violino: cosa fare

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in moto contro l'ambulanza, il fidanzato muore: 27enne di Parma in prognosi riservata

  • Incidente in piscina: la 12enne parmigiana è morta

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Paura per due sorelle di 13 e 12 anni, escono di casa e non rientrano per la notte: trovate dalla polizia

  • Pauroso schianto tra auto e bici a Noceto: 16enne gravissimo al Maggiore

  • Schianto frontale a Felegara, tre donne ferite: 38enne gravissima

Torna su
ParmaToday è in caricamento