Due città cinesi donano 11.500 mascherine all'ospedale di Parma

La solidarietà arriva da Yanghzou e Huai'an

Un gesto di grande solidarietà dalla Cina e dalla rete City of Gastronomy: 11.500 mascherine sono infatti state donate dalle città di Yanghzou e Huai'an all'ospedale della nostra città. Una donazione preziosa, vista la nota scarsità di mascherine nell'attuale situazione di emergenza sanitaria, strumento fondamentale di protezione dal contagio.

La città di Yanghzou, Città Creativa Unesco della Gastronomia entrata nella Rete nell'ottobre 2019, ha provveduto alla spedizione di 10.000 mascherine e la città di Huai'an, candidata per diventare Città Creativa UNESCO della Gastronomia nel 2019, ha contribuito con la donazione di 1500 pezzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questo momento così difficile - ha sottolineato l'assessore a Città Internazionale Cristiano Casa - apprezziamo molto la vicinanza e solidarietà delle realtà cinesi appartenenti alla rete City of Gastronomy: queste donazioni sono un gesto efficace e di vicinanza alla nostra città. Questo è il risultato del rapporto creato nel corso di questi anni e a loro va il grazie della città di Parma".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Bonus affitto per famiglie e persone in difficoltà a causa dell'emergenza Covid: contributo fino a 1.500 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento