"È la catena dei sub-appalti che regala invisibilità alle imprese fuori legge"

Antonino Leone, segretario generale FILLEA CGIL Parma, interviene sull'Operazione Grimilde: "In questa situazione, sospendere il Codice Appalti è strizzare l'occhio ai mafiosi"

"L'indagine a cui ha fatto seguito l'ordinanza relativa all'Operazione Grimilde, in piena sintonia e continuità con gli atti del processo Aemilia, desta forte preoccupazione poiché ci restituisce la fotografia di un territorio e di un'economia permeabili alle infiltrazioni criminali".

Antonino Leone, segretario generale della FILLEA CGIL di Parma, interviene sulla vicenda che ha portato anche nel nostro territorio a diversi arresti tra gli appartenenti al clan Grande Aracri. "È impressionante - commenta Leone - la capacità di penetrare nei sistemi sani dell'economia di un territorio e rimanere al tempo stesso invisibili. Come sindacato degli edili ci imbattiamo quotidianamente con situazioni di irregolarità. La Viesse era un'azienda fantasma: non faceva regolare denuncia di inizio lavori, non indicava la presenza di lavoratori, e neppure aveva l'oggetto sociale che la identificava come impresa edile; eppure riusciva ad eludere i controlli antimafia e a lavorare in un cantiere pubblico!".

"Tutto questo è merito della potenza della catena dei sub-appalti. D'altronde quegli stessi controlli ora il Decreto Sblocca cantieri li vuole sospendere. Il ritorno al massimo ribasso, l'aumento delle stazioni appaltanti, la catena dei sub-appalti favoriscono le infiltrazioni mafiose e rendono il lavoro più insicuro e irregolare. È talmente grave la pervasività delle famiglie criminali che sospendere il Codice degli appalti è follia, è strizzare l'occhio ai mafiosi".

"Per questo - rinforza Leone - come sindacato siamo pronti ad aprire una stagione di vertenzialità nel Paese per rivendicare il rispetto dei contratti di lavoro, lotta al massimo ribasso, tutele e sicurezza per i lavoratori. Chiediamo alle Istituzioni maggiori controlli a difesa della legalità. A Parma, peraltro, abbiamo un protocollo legalità specifico del comparto dell'edilizia, sottoscritto nel 2006 da Prefetto, Provincia, Comune di Parma e da tutti i sindaci dei Comuni della provincia. A tutti chiederemo di rinnovarlo e potenziarlo, soprattutto in termini di rispetto dei contratti di lavoro, lotta al massimo ribasso, più valore e tutele al lavoro alla sicurezza, alla legalità".

"Le mafie - conclude il sindacalista - sono la negazione dei diritti sindacali. Laddove si riducono diritti e tutele, nessun lavoratore potrà dirsi libero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

Torna su
ParmaToday è in caricamento