Ex manicomio di Colorno: ancora piccoli crolli

AMO COLORNO: "Calcinacci e tegole cadono troppo spesso. La struttura sta marcendo".

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Alcuni cittadini che vivono in via Roma, a due passi dall’ex manicomio, ci hanno segnalato che sempre più spesso la struttura è soggetta a piccoli crolli di calcinacci, tegole e mattoni, nonchè di parte della facciata. Cosa che si ripete ormai in maniera quasi quotidiana. Una struttura completamente marcita e pericolante, oltre che indecorosa per il nostro paese dall’animo turistico. Struttura sotto la tutela della sovrintendenza ai beni culturali, di proprietà sia dell’AUSL che dell’ospedale Maggiore di Parma, che da tempo immemore ormai riversa in queste condizioni. Già diversi crolli si erano verificati in passato. Alcuni addirittura imponenti e di notte, facendo risvegliare molti Colornesi dal loro sonno, con grossi boati. Siamo molto preoccupati per questa situazione e per la stabilità della struttura. Con il passare delle stagioni fredde, a causa di pioggia, umidità, neve e ghiaccio, la stessa diviene sempre più instabile e pericolosa. La facciata dell’ex manicomio, rivolta su via Roma è la parte che ci preoccupa di più, essendo locata su una strada importante e trafficata per il paese, vista la presenza della stazione. Vogliamo sperare che ci si inizi a mobilitare rapidamente per trovare una giusta soluzione, al fine di tutelare la collettività, e che quanto prima vengano avviati dei nuovi sopralluoghi tecnici, atti a verificarne la stabilità strutturale. Il gruppo AMO - COLORNO

Torna su
ParmaToday è in caricamento