Il cuore degli Alpini è sempre grande: 40mila euro per l’Ospedale Maggiore di Parma

La raccolta fondi lanciata dalla sezione di Parma ha consentito di acquistare 2 ventilatori polmonari e un massaggiatore toracico

Uno squillo di tromba e la risposta è stata corale. Il grande cuore degli Alpini è tornato a battere, forte, per la chiamata alla solidarietà che si è presentata alle nostre frontiere. Questa volta si chiamava Covid 19 e alla loro attività sul campo (dal 12 marzo scorso 56 volontari hanno speso 548 giornate di lavoro) hanno raccolto 40mila euro con un obiettivo preciso: donare all’Ospedale Maggiore di Parma apparecchiature necessarie come due ventilatori polmonari e un massaggiatore toracico, con l’impegno di coprire un’altra esigenza a fronte degli euro rimasti dai precedenti acquisti.

E questa mattina le Penne nere di Parma hanno consegnato le apparecchiature. A rappresentarli il presidente Sezione Ana di Parma Roberto Cacialli, il segretario Franco Sartori, il coordinatore della Protezione Civile Ana di Parma Enrico Adorni e, a nome delle associazioni che hanno partecipato alla raccolta fondi, il delegato della provincia di Parma delle Guardie d’onore al Pantheon Roberto Spagnoli e il presidente dei Granatieri di Sardegna sez. di Parma Danilo Dumas.

Ad accoglierli la direttrice della 1° Anestesia e Rianimazione Sandra Rossi e il commissario straordinario dell’Azienda ospedaliero-universitaria Massimo Fabi.

“Lucas è un’apparecchiatura avanzata – ha spiegato Sandra Rossi – che consente di eseguire un massaggio cardiaco di alta qualità, uno dei capisaldi della rianimazione cardio-polmonare. Ed inoltre il massaggio cardiaco con il Lucas è uno dei pre-requisiti per poter praticare la circolazione extracorporea ECPR come strategia di rianimazione”. “Una donazione importante – ha ribadito Massimo Fabi – che dimostra ancora una volta la grande risposta che gli Alpini e le associazioni che hanno operato con loro sanno dare di fronte alle emergenze”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il ringraziamento più grande ce lo avete già dimostrato con i fatti – ha concluso il presidente Roberto Cacialli – e la vostra dedizione ha rinsaldato il rapporto di  fiducia dei cittadini nella sanità della nostra provincia. Il nostro pensiero va ai 59 alpini di Parma che abbiamo perso e il nostro grazie va a tutti i volontari che hanno lavorato a supporto dei nostri sanitari in prima linea in questa guerra silenziosa che ha fatto tante vittime”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

Torna su
ParmaToday è in caricamento