L’Asilo rEsiste, stati generali dell’accoglienza a Parma “Prospettive, idee e azioni dopo il decreto Salvini”

La giornata, che riunirà oltre trecento persone in arrivo da tutta Italia, prenderà il via sabato 15 dicembre alle 9:30

Mettere insieme tutti i soggetti impegnati nei percorsi di tutela, accoglienza e integrazione di migranti, richiedenti asilo e rifugiati, gli enti locali e le istituzioni pubbliche di diverso livello, e tutti i soggetti pubblici e privati interessati, con l’obiettivo di costruire un nuovo sistema di accoglienza alla luce della legge nata dal decreto Immigrazione e Sicurezza. E’ questo, in sintesi, l’obiettivo della “call for action” lanciata dalla rete nazionale di soggetti dell’accoglienza Europasilo – in collaborazione con Ciac Parma - che si terrà alla Camera di Commercio di Parma il prossimo 15 dicembre.

La giornata, che riunirà oltre trecento persone in arrivo da tutta Italia, prenderà il via alle 9:30 con un’assemblea plenaria, coordinata da Chiara Marchetti di Ciac Parma e introdotta da Gianfranco Schiavone della rete Europasilo e presidente di Ics Trieste, in cui verranno spiegati i temi di giornata attraverso gli interventi di Livio Neri dell’Asgi (Associazione studi giuridici sull’immigrazione), Daniela di Di Capua (Servizio Centrale Sprar), Marìka Surace (Cild) e manderà un contributo video Daniele Viotti, europarlamentare del Partito democratico.

Subito dopo si riuniranno quattro tavoli tematici che, sugli spunti arrivati dalla plenaria, entreranno nei particolari e proveranno a rispondere ad alcune domande fondamentali:

“Libertà di movimento” e in particolare della chiusura delle frontiere: come promuovere e ampliare le vie legali di accesso? I corridoi umanitari, il resettlement, il ricongiungimento sono pratiche già percorse, anche se di portata limitata.

 “Garanzie dei diritti”, con la domanda fondamentale riguardo a quale sarà la protezione legale per i migranti nel nuovo scenario? Ma anche è possibile promuovere ulteriori forme di assistenza e protezione legali sia in frontiera che all’interno dei territori? Quali raccordi sono possibili con i presìdi e i servizi territoriali esistenti?

“Difendere l’accoglienza”, come tutelare gli esclusi? Quale rapporto Cas-Sprar? L’asilo, i rifugiati, i minori non accompagnati non sono una questione di sicurezza pubblica. Per questo devono uscire dal dominio del Ministero dell’interno ed entrare a pieno titolo nei luoghi di governance territoriale e nel welfare universale. Gli stessi enti che si occupano di accoglienza e tutela devono uscire dall’“angolo” dei servizi dedicati e rilanciare in termini non solo di accoglienza ma anche di “cittadinanza”.

“La sfida della comunicazione” – Come divulgare una diversa narrazione sulle migrazioni? Sulla cultura dei diritti, della solidarietà, dell’antirazzismo occorre trovare un modo diverso di comunicare e informare, di coinvolgere persone e soggetti anche al fuori dalle cerchie degli addetti ai lavori. Finora l’investimento e i risultati non sono stati adeguati e sufficienti. Come preparare il terreno per una trasformazione più ampia e ambiziosa che vada al di là di quelli che possono essere visti come interessi corporativi o di difesa dello status quo?

I contenuti emersi nei gruppi verranno poi messi in comune in una assemblea plenaria conclusiva. 

La partecipazione è gratuita fino a esaurimento posti.

Maggiori informazioni: www.europasilo.org

Per iscriversi: https://goo.gl/forms/duK3o0OAbb60FXa22

Segreteria organizzativa: CIAC Onlus, via Bandini 6 – associazione@ciaconlus.or

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Choc a Langhirano: 59enne muore travolta da un'auto mentre va a prendere la corriera

  • Bollino antifascista, Pizzarotti sul ricorso al Tar: "Proponetelo tutti per un'Italia antifascista"

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • Choc in centro: "I ragazzini delle baby gang si lanciano sotto ai bus in marcia"

  • Maltempo, perturbazione in arrivo: da giovedì neve a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento