Il calcio? No, Mark Bresciano ha scelto ... la cannabis

Il centrocampista ex Parma (tra le altre), è tornato a vivere in Australia, investe nel settore immobiliare e crede nella marijuana per uso medico

Mark Bresciano - foto Ansa

Mark Bresciano ha chiuso con il mondo del calcio: dopo dodici anni di italia, nove trascorsi in Serie A, quattro con il Parma che sborsa 7 milioni per  strapparlo all'Empoli, il centrocampista australiano (di origini lucane) è tornato alla base prima di una breve parentesi in Medio Oriente (con le maglie di Al-Nasr e Al-Gharafa). A Melbourne, Mark vive con la famiglia, una moglie e due figlie, entrambe nate a Palermo dove ha giocato dal 2006 al 2010 prima di andare alla Lazio, ultima squadra italiana del centrocampista che con la Nazionale australiana è sceso in campo 84 volte arrivando a giocarsi da protagonista il Mondiale 2006, quando i Socceroos vengono eliminati dal rigore di Totti. Attualmente Mark si tiene lontano dai riflettori, "anche se mi manca il pallone che in Italia è considerato come una religione, non il calcio, per il quale ho perso la passione e sono solamente uno spettatore". Bresciano adesso fa l'imprenditore: "Faccio investimenti nel settore immobiliare - dice il centrocampista a Sbs.com - e mi occupo di coltivazione di cannabis... di marijuana. Si dice così in Italia? Per ora studio con un socio che sta lavorando per arrivare a produrre medicine a base di marijuana entro un anno. L'azienda si chiama greenhope, individuato il terreno e acquisite le licenze, il percorso per arrivare a produrre farmaci a base cannabis è ancora lungo. Per il momento andiamo in Canada e negli USA per studiare. Anche in Europa, dove sono esperti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Coronavirus, tre decessi a Parma e 18 casi in più

Torna su
ParmaToday è in caricamento