Ospedale: la Neonatologia ringrazia i donatori di coccole

L’Unità operativa di Neonatologia e le famiglie ringraziano l’Associazione che presenta la sua attività, fatta di carezze, abbracci e coccole

Un dono del tutto speciale quella dei Donatori di coccole ai piccolissimi pazienti della Neonatologia. La donazione è fatta di abbracci, carezze, ninne nanne, bagnetti e pappe per i piccoli pazienti che non possono lasciare l’Ospedale e ai quali è fortemente necessario il contatto fisico.

Nata nel 2016, l’Associazione Donatori di coccole, è presente in reparto a fianco dei neonati nei momenti di assenza dei genitori. Dopo avere seguito un corso predisposto in modo apposito dagli operatori, ora si presentano come un piccolo esercito di sedici volontari che garantiscono supporto tre volte alla settimana con coccole e carezze, secondo le indicazioni fornite di volta in volta da medici e infermieri.  “I bambini che sono da noi presentano quadri clinici complessi e per questo per loro sono necessarie attività complesse – afferma il direttore della struttura Serafina Perrone- dunque la presenza il più possibile continua rappresenta un supporto importante per permettere l’acquisizione di autonomia e stimolare lo sviluppo neuromotorio, per il quale il contatto e la relazione sono fondamentali”. Simona Ciani, presidente Associazione Donatori di coccole, affiancata dalle volontarie Rosa, Flavia e Giuliana, rimarca l’evidenza del beneficio della relazione e sottolinea la soddisfazione di tutti i volontari per l’opportunità di portare la speciale donazione ai più piccoli del Maggiore. Ai volontari il ringraziamento della direzione aziendale espresso da Rita Lombardini, dirigente assistenziale Dipartimento Materno-Infantile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento