Parmigiana cade dal ponte dello Stirone: chiede 180 mila euro alla Provincia

La donna ha citato in Tribunale l'Ente: ecco perchè

E' caduta dal ponte dello Stirone ed ha deciso di citare in Tribunale la Provincia di Piacenza. La protagonista dell'episodio è una donna parmigiana che ha chiesto un risarcimento di quasi 180 mila euro. I suoi avvocati, Marco Cabrini del Foro di Parma e Massimo Solari del Foro di Piacenza, lo scorso agosto hanno chiamato in causa l’ente di via Garibaldi. La donna, nel luglio 2016, mentre si stava recando in località Scipione Case Passeri per partecipare ad una camminata notturna nel Parco dello Stirone, è caduta dal ponte. Stava per accingersi ad attraversare a piedi il ponte quando, a suo dire, è inciampata in una crepa formatasi nel marciapiede ed è precipitata nell’alveo del torrente. In seguito all’impatto, la donna ha subìto danni quantificati complessivamente in 179.242,80 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ponte collega Scipione (nel territorio di Parma) a Case Trabocchi di Vernasca, ed è di competenza della provincia piacentina. Ora gli avvocati della signora - residente in provincia di Parma - hanno chiamato in causa la Provincia, che intende difendersi in Tribunale (ed ha nominato gli avvocati Angelo Perini, Andrea Perini e Andrea Vitelli dello studio legale associato Perini). L’ente è comunque coperto da assicurazione, nel caso fosse accolta la richiesta della donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Coronavirus, 3 giugno: ecco cosa potranno fare da oggi i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento