Poliziotti in divisa per consegnare doni all’Ospedale dei bambini “Pietro Barilla” di Parma

A coordinare le operazioni il questore che ha voluto portare un saluto al personale sanitario e ai piccoli pazienti ricoverati

“Una Polizia di Stato tra le persone e vicino a chi si trova in difficoltà, è questa la Polizia che ci piace”. E’ il commento del Questore della Provincia di Parma Gaetano Bonaccorso sull’iniziativa che ha visto il personale di Polizia di Stato della Questura, Polizia Stradale, Associazione Nazionale Polizia di Stato impegnato in una gara di solidarietà finalizzata alla raccolta di giocattoli, peluche, cappellini dell’ANPS e giochi da tavolo da donare ai bambini ricoverati presso i reparti pediatrici dell’Ospedale Maggiore. Una raccolta che, come gli anni precedenti, ha visto anche quest’anno una grande partecipazione e dimostrazione di affetto nei confronti dell’Ospedale dei bambini “Pietro Barilla”. A coordinare l’operazione il questore Gaetano Bonaccorso, accompagnato dal commissario capo Federico Mastorci, dal medico principale della Polizia di Stato dott.ssa Valeria Marino e da una delegazione di agenti e rappresentanti dell’ANPS. E la loro visita si è presto trasformata in un piacevole incontro con i ragazzi, affascinati dalla divisa e incuriositi dall’attività della Polizia.

Un ringraziamento al loro impegno è arrivato dal direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Massimo Fabi perché “iniziative di questo tipo rappresentano uno stimolo a dare sempre il meglio per il nostro ospedale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad accompagnare i poliziotti Corrado Vecchi, presidente dell’associazione Giocamico onlus che da vent’anni promuove attività ludico ricreative dei reparti pediatrici del Maggiore, il personale dei reparti con i direttori della Clinica pediatrica Susanna Esposito, della Pediatria generale e d’urgenza Icilio Dodi, dell’Oncoematologia Patrizia Bertolini e le coordinatrici infermieristiche Claudia Marcatili, Giuseppina Nicosia, Maria Luisa Zou, Elena Fornari con la responsabile attività assistenziali Rita Lombardini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

Torna su
ParmaToday è in caricamento