Ponte di Colorno: Provincia e Università lavorano a definire il sistema di controlli

Parlano i docenti coinvolti nel progetto, Vanali e Montepara. Un sistema di controlli tra i più complessi e avanzati d’Italia, costo: un milione di euro circa in 10 anno

La Provincia di Parma – Servizio Viabilità non si sottrae al confronto col Comitato Treno Ponte Tangenziale e risponde punto per punto ai rilievi avanzati, per non lasciare nessun dubbio nei cittadini che sono così solleciti nei confronti dell’Amministrazione e del suo operato.

All’ing. Scaroni, in quanto progettista incaricato dei lavori del ponte, era stata affidata la redazione di un progetto preliminare di fattibilità tecnico - economica del monitoraggio delle strutture del ponte. L’ing. Scaroni ha quindi prodotto una prima elaborazione, che ha individuato gli elementi del ponte da sottoporre a monitoraggio e una stima sommaria dei costi.

Non ha però affrontato nel dettaglio le modalità di installazione e trasmissione e interpretazione dei dati, che richiedono particolari attrezzature, come la posa di fibra ottica. Occorre quindi anche uno studio più dettagliato, che è esattamente l’oggetto di un accordo della Provincia con l’Università di Parma in via di stipula, che comprenderà anche la valutazione dei dati trasmessi dal sistema nei prossimi 10 anni; la collaborazione tra i tecnici della Provincia e gli specialisti dell’Università è già avviata da alcuni mesi.

Il sistema sarà uno dei più complessi e avanzati in Italia, che prevede tra l’altro 150 punti di lettura dei movimenti, per un importo stimato che si aggira intorno a un milione di euro in 10 anni. 

“Il monitoraggio continuativo e di lungo periodo di una struttura importante e complessa quale il ponte sul Po di Colorno – Casalmaggiore, richiede non solo una elevata competenza nel campo dell’Ingegneria civile, ma anche  una conoscenza dei sistemi di misura e delle loro prestazioni metrologiche necessaria a garantire l’affidabilità e la continuità della misura per tutto il periodo richiesto – spiega il prof. Marcello Vanali esperto in Metrologia dell’Università di Parma che collabora al progetto - Tali competenze devono essere integrate in fase di progettazione del sistema di monitoraggio, nella fase di installazione e collaudo dello stesso e nella fase di gestione/analisi del dato a seguire.”

“Il progetto di monitoraggio originale è stato rivisto alla luce delle necessarie considerazioni di carattere misuristico e metrologico tipiche della disciplina dello structural health monitoring con il duplice scopo di aumentare l’efficacia del monitoraggio e di garantirne l’affidabilità nel lungo periodo - precisa il prof. Antonio Montepara dell’Università di Parma, anch’egli coinvolto nel progetto -  Sono state ottimizzate le necessità di tipo strutturale (tipologia e numero dei sensori) e le stesse sono state integrate con una proposta di set-up tale da garantire la stabilità e l’accuratezza della misura nel tempo. E’ stato ripensata anche la tipologia e la quantità di dati che dovranno essere resi disponibili al fine di garantirne l’intelligibilità e la reale possibilità di  un’analisi efficace da parte degli strutturisti che saranno chiamati ad esprimersi sulla base delle misure fornite dal sistema.”

La Provincia di Parma chiarisce inoltre che è prevista anche l’installazione di un sistema – omologato dal Ministero dei Trasporti – per il controllo dei carichi transitanti sul ponte. Si valuterà con le Prefetture la possibilità di elevare sanzioni in remoto, ad oggi non consentite, per chi supera il peso limite.

Il ponte sarà aperto il 5 giugno prossimo, in condizioni di piena sicurezza.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Noceto, scontro frontale tra due auto a La Rampa: gravi un uomo e una 41enne

  • Cronaca

    "Venduta, stuprata nelle carceri libiche e costretta a prostituirmi a Parma"

  • Attualità

    Sciopero degli autisti al magazzino Amazon di Torrile: "Vogliamo i nostri soldi"

  • Politica

    Giudice di pace. Proposta Pd: 50mila euro dalla Regione per finanziare gli uffici nei Comuni

I più letti della settimana

  • "Fidenza deve tornare ad essere sicura": ma il candidato di Fratelli d'Italia ha commesso 40 reati

  • Mille Miglia il 18 maggio: il percorso

  • Corse clandestine nel parcheggio del Panorama: fermati 40 giovani

  • "Venduta, stuprata nelle carceri libiche e costretta a prostituirmi a Parma"

  • Mille Miglia a Parma: le modifiche alla viabilità di sabato 18 maggio

  • Installa telecamere per controllare i dipendenti: i Nas denunciano un'estetista

Torna su
ParmaToday è in caricamento