Premiata specializzanda della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia

A Carlotta Artoni nell’ambito del Trauma Meeting – OTODI il riconoscimento come miglior comunicazione del congresso OTODI YOUNG

Carlotta Artoni, iscritta al terzo anno della Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia dell’Università di Parma, diretta da Francesco Ceccarelli, nell’ambito del Trauma Meeting - OTODI (Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d'Italia) che si è tenuto a Riccione all’inizio di ottobre ha ricevuto un premio per la miglior comunicazione del congresso OTODI YOUNG.

L’importante riconoscimento è stato ottenuto con la comunicazione Fratture del femore distale: confronto tra inchiodamento retrogrado e osteosintesi con placca LISS. La dott.ssa Artoni è stata coadiuvata dai docenti Francesco Ceccarelli, Francesco Pogliacomi ed Enrico Vaienti e dai dott. Ferruccio Lasagni, Fabrizio Tacci, Alessandro Spirito e Alessio Paladino della Clinica Ortopedica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il premio per la vincitrice consiste nella partecipazione al congresso internazionale IOTA - International Orthopaedic Trauma Association Triennal Meeting, che si svolgerà ad Amsterdam nel dicembre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento