Quattro bus in panne in 24 ore: la denuncia di Federconsumatori

L'associazione dei consumatori ha raccolto nuove segnalazioni da parte degli utenti e ha scritto nuovamente a TEP

4 mezzi pubblici TEP in panne in poco più di 24 ore. È la denuncia di Federconsumatori, che torna a chiedere un incontro con l'azienda dei trasporti pubblici di Parma e provincia. L'associazione dei consumatori ha raccolto dagli utenti le segnalazioni di autobus fermi per guasti e pubblicato sui propri social i video e le foto dei mezzi.

Due casi oggi, mercoledì 11 settembre, uno davanti al Teatro Regio e un altro in periferia. Ieri altri due bus rotti, uno portato via con il rimorchio, sempre in strada Garibaldi, e un altro fermo per un guasto nel sottopassaggio della stazione di Parma. Pochi giorni fa, lo scorso 5 settembre, in orario di punta, un altro autobus in panne aveva bloccato via La Spezia, nella zona di Lemignano, creando disagi alla circolazione fra Parma e Collecchio e agli utenti a bordo.

“Ora basta. È una presa in giro” attacca Fabrizio Ghidini, presidente di Federconsumatori, che ha scritto nuovamente a TEP, SMTP, Comune di Parma e Regione. La prima lettera all'azienda pubblica dei trasporti era stata inviata lo scorso 5 settembre ed è rimasta senza risposta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “L’attuale Carta della Mobilità TEP prevede, per gli utenti vittime di questo tipo di disservizio, un ristoro risibile: il prezzo del biglietto nel caso in cui non intervenga un servizio sostitutivo entro 30 minuti nel caso di servizio urbano, 60 minuti se extra urbano. - ha scritto Federconsumatori - Si prevede poi, ma di fatto si tratta di un’ipotesi remota, la possibilità di un rimborso per spese sostenute per effettuare il viaggio con altri mezzi. È del tutto evidente che la sanzione prevista per il grave disservizio di TEP non è in alcun modo sanzionata mentre i danni per gli utenti possono essere anche considerevoli. Con le attuali regole per l’azienda non vige alcun serio deterrente per non incorrere in queste situazioni e al cliente rimane la beffa. Infine non vanno dimenticati i disagi che si possono creare alla mobilità di centinaia e migliaia di cittadini. Per queste ragioni Federconsumatori Parma chiede un incontro urgente a TEP per rivedere la norma a tutela dei consumatori e del buon funzionamento del servizio. La sanzione va inasprita e resa automatica e deve comprendere una più vasta casisitica di rimborsi (ritardi al lavoro, visite mediche saltate, ecc…) ovviamente documentabili. L’auspicio è che la problematica non venga snobbata e che si dia una risposta adeguata ai cittadini”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

Torna su
ParmaToday è in caricamento