Da settembre a Parma arrivano i risciò

Ecco tutti i dettagli sulla nuova iniziativa del Comune

A Parma si potrà girare anche in risciò, è questa la novità promossa dall'Assessorato alle Politiche di sostenibilità ambientale, guidato da Tiziana Benassi, in vista di Parma Capitale della Cultura Italiana per il 2020. Il servizio sarà attivo da settembre. L'introduzione dei risciò rientra nell'ambito delle azioni previste dalla Riforma della Mobilità ed alla luce della positiva sperimentazione dello scorso anno in occasione del “P – Day”, giornata dedicata ai pedoni, svoltasi nel corso della settimana europea della mobilità in settembre. Il Comune ha dato il via libera alla procedura per giungere alla pubblicazione di un avviso pubblico entro fine marzo per individuare i soggetti interessati a svolgere questo tipo di trasporto in città.

“L'introduzione dei risciò – sottolinea l'Assessore Tiziana Benassi - costituisce un'ulteriore azione che mettiamo in campo nel segno della sostenibilità, in modo che cittadini e turisti abbiano la possibilità di spostarsi in centro con mezzi alternativi all'auto privata. Sarà un’occasione per scoprire la città ed apprezzarne gli angoli più caratteristici. Si aggiunge, così, un altro tassello nell'ambito delle azioni legate alla Riforma della Mobilità, all'insegna di una serena, sana ed equilibrata riappropriazione dei nostri spazi pubblici”

I risciò sono mezzi di trasporto agili con impatto ambientale zero molto adatti per muoversi in centro storico. L'Assessorato alle Politiche di sostenibilità ambientale intende, quindi, promuovere un sistema innovativo e simpatico per favorire gli spostamenti con una particolare attenzione alla sostenibilità ambientale ma anche economica.

Va in questa direzione la delibera, approvata in questi giorni dalla Giunta Comunale, che costituisce un atto di indirizzo per la definizione del bando volto a individuare soggetti idonei a svolgere servizio di risciò, con mezzi elettrici a pedalata assistita, per il centro di Parma, con la possibilità di poter trasportare due o tre persone e con percorsi prestabiliti che tocchino i monumenti più significativi della città ducale e che ne promuovano le bellezze artistiche, culturali, storiche e le eccellenze enogastornomiche nell'ambito dei progetti legati a Parma Città Creativa per la Gastronomia UNESCO. Si tratta di un servizio che potrà essere prima di tutto utilizzato dai turisti, ma che costituisce anche una proposta accattivante per quei parmigiani curiosi di riscoprire, in tranquillità, le bellezze della petit capital, seduti comodamente su una "moderna carrozza", così come si delineano i nuovi risciò.

Gli esempi dell'utilizzo del risciò come mezzo di trasporto non mancano, Milano costituisce certamente un termine di paragone .

I nuovi risciò saranno attivati in via sperimentale per 18 mesi, a partire, indicativamente, da settembre prossimo, in modo da poter disporre per tutto l'anno 2020 di un servizio sostenibile e innovativo di questo genere in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura.


 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Noceto, scontro frontale tra due auto a La Rampa: gravi un uomo e una 41enne

  • Cronaca

    "Venduta, stuprata nelle carceri libiche e costretta a prostituirmi a Parma"

  • Attualità

    Sciopero degli autisti al magazzino Amazon di Torrile: "Vogliamo i nostri soldi"

  • Politica

    Giudice di pace. Proposta Pd: 50mila euro dalla Regione per finanziare gli uffici nei Comuni

I più letti della settimana

  • "Fidenza deve tornare ad essere sicura": ma il candidato di Fratelli d'Italia ha commesso 40 reati

  • Mille Miglia il 18 maggio: il percorso

  • Corse clandestine nel parcheggio del Panorama: fermati 40 giovani

  • "Venduta, stuprata nelle carceri libiche e costretta a prostituirmi a Parma"

  • Mille Miglia a Parma: le modifiche alla viabilità di sabato 18 maggio

  • Installa telecamere per controllare i dipendenti: i Nas denunciano un'estetista

Torna su
ParmaToday è in caricamento