Roccabianca: i richiedenti asilo non verranno ospitati nel condominio di via Verdi

La decisione è arrivata dalla Prefettura di Parma dopo le proteste: la cooperativa Codeal dovrà trovare una soluzione alternativa

I sei richiedenti asilo non verranno ospitati nel condominio di via Verdi a Roccabianca, così come previsto da due anni. La Prefettura di Parma ha preso una decisione destinata a far discutere: dopo le proteste di alcuni residenti e le verifiche richieste dall'Amministrazione comunale sulla compatibilità edilizia e strutturale della palazzina, l'Ente ha deciso di sospendere l'iter ed ha chiesto alla cooperativa Codeal, che avrebbe dovuto gestire l'accoglienza in quella struttura, di trovare una soluzione alternativa. "La Prefettura - si legge in una nota del Comune di Roccabianca - prendendo atto delle preoccupazione espresse da parte dei condomini e delle azioni intraprese dalla stessa amministrazione e atte a preservare l'ordine e la sicurezza pubblica, ha richiesto alla cooperativa Codeal di cercare una soluzione alternativa all'appartamento in questione, riservandosi di completare le dovute valutazioni del caso". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: si cercano le persone a contatto con l'uomo di Lesignano la sera del ballo a Codogno

Torna su
ParmaToday è in caricamento