Scuola, i parmigiani tornano in classe il 14 settembre: ecco le linee guida

Essenziale il distanziamento sociale

Arrivato il parere positivo di Regioni ed enti locali alle linee guida per il rientro a scuola a settembre. La ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina ha definito l'accordo che si è trovato "un risultato importante". L'obiettivo è quello di riaprire gli istituti scolastici dal 1 settembre per i corsi di recupero per arrivare al 14 settembre per la riapertura vera e propria con l'inizio del nuovo anno scolastisco 2020-21.

Tra i punti principali annunciati oggi dal ministro Azzolina 50mila assunzioni e un aumento di stipendio (tra gli 80 e i 100 euro) per gli insegnanti. Quanto alle modalità necessarie per la ripresa della didattica sono previsti orari di ingresso scaglionati, ma anche l'utilizzo di ulteriori spazi per la didattica come musei, bibloteche, parchi e teatri. Niente doppi turni, nonostante sia evidente al ministero come per rispettare il distanziamento sociale occorra trovare ulteriore spazio per alloggiare il 15% degli alunni. Si pensa per questo al recupero di circa 3mila edifici dismessi

"Abbiamo un nuovo miliardo che stanziamo oggi per ripartire in piena sicurezza a settembre con una scuola piu' moderna, sicura e inclusiva" ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a palazzo Chigi. "All'interno del piano di rilancio con le risorse europee un importante capitolo sarà dedicato proprio agli interventi sulla scuola".

Ad Azzolina è arrivato il ringraziamento di Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni  e governatore dell'Emilia Romagna, per aver chiesto proprio quel miliardi aggiuntivo per settembre. "Le Regioni - ha aggiunto Bonaccini - hanno avuto un ruolo determinante, in modo che rispondesse il più possibile alle diverse esigenze dei docenti e dei dirigenti scolastici, degli studenti e degli enti locali".

Le linee guida del piano scuola

La bozza con le linee guida del piano scuola era già uscita nei giorni scorsi, raccogliendo diverse critiche. In una nuova versione è stato inserito un esplicito riferimento al distanziamento fisico che richiama le raccomandazioni del Comitato Tecnico Scientifico. "Il distanziamento fisico, inteso come un metro fra le rime buccali (cioè le bocche, ndr) degli alunni, rimane un punto di primaria importanza nelle azioni di prevenzione", si legge nella bozza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova bozza del Piano sul rientro a scuola, scrive l'agenzia di stampa Ansa, prevede l’istituzione di “Conferenze dei servizi, su iniziativa dell’Ente Locale competente, con il coinvolgimento dei dirigenti scolastici, finalizzate ad analizzare le criticità delle istituzioni scolastiche che insistono sul territorio di riferimento delle conferenze". Lo scopo "sarà quello di raccogliere le istanze provenienti dalle scuole con particolare riferimento a spazi, arredi, edilizia al fine di individuare modalità, interventi e soluzioni che tengano conto delle risorse disponibili sul territorio in risposta ai bisogni espressi".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Nuova ordinanza: dal 26 giugno i posti a sedere su bus e treni possono essere occupati al 100%

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Scuola, le linee guida di Azzolina preoccupano i dirigenti scolastici: "Insostenibili"

Torna su
ParmaToday è in caricamento