Sopralluogo di Paola De Micheli al nuovo Ponte della Navetta

La sfida è accompagnare le piccole opere pubbliche che a livello locale migliorano la vita delle persone e delle comunità

Nella giornata parmigiana di Paola De Micheli che ha inaugurato in mattinata il laboratorio didattico dedicato all'agroalimentare Food Farm 4.0 a Fraore e presenziato all'Accademia Barilla al convegno "Comunità resilienti, imprese al centro" sull'impegno del mondo produttivo nel campo della prevenzione degli eventi calamitosi non è mancato il sopralluogo al Ponte della Navetta. Simbolo di una pagina forte della storia di Parma degli ultimi anni. Il filo rosso degli appuntamenti della Ministra alle Infrastrutture e ai Trasporti che hanno colto la Settimana nazionale della Protezione civile è proprio il legame tra le comunità e i territori, la loro capacità di essere coesi sia nel rispondere ad eventi calamitosi, sia nel farsi prospettiva di futuro per le nuove generazioni.

Parma ha mostrato, nelle varie tappe, anche il suo modello di coesione tra pubblico e privato.  La Ministra, Paola De Micheli ha raggiunto il nuovo Ponte della Navetta nel pomeriggio, insieme al Sindaco Federico Pizzarotti, l'assessore ai Lavori Pubblici Michele Alinovi e rappresentanti della Ditta Buia Nereo S.r.l esecutrice dei lavori. A margine del sopralluogo, ha dichiarato:

“Come ho più volte evidenziato nelle mie uscite pubbliche in queste prime settimane da Ministro delle Infrastrutture, la vera sfida che riguarda il nostro paese non è soltanto quella di portare a termine le grandi infrastrutture strategiche, ma anche le tante piccole opere pubbliche, quelle della quotidianità, che possono migliorare la vita delle persone e delle comunità come la vostra, colpita da una calamità come un'alluvione. Dobbiamo farlo sempre più velocemente e con risultati di qualità. Proprio come questo ponte che letteralmente ricuce il tessuto urbano di Parma che era stato strappato. Sono felice di essere testimone del compimento di questa opera così importante, realizzata attraverso una progettazione partecipata e al servizio di una forma di mobilità, quella ciclabile, che vogliamo ampliare e favorire il più possibile, per rendere le nostre città più belle anche dal punto di vista ambientale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Gervinho, lesione di primo grado: ecco i tempi di recupero

  • Tegola Cornelius, si ferma in Nazionale: Parma senza attaccanti

Torna su
ParmaToday è in caricamento