stazione di colorno. imbrattata per la terza volta.

Dopo essere stata reimbiancata la facciata, viene rapidamente imbrattata.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

E come cita un vecchio detto, non c’è due senza tre. I nostri nonni non si sbagliavano mai. Ancora una volta la stazione di Colorno è vittima dell’anonimo graffitaro, che di artista ha davvero ben poco. Per la terza volta di fila, la facciata della stazione del paese, dopo essere stata reimbiancata, è stata deturpata. Un ulteriore gesto di inciviltà compiuto, secondo le segnalazioni che abbiamo avuto da diversi pendolari, a quanto pare in pieno giorno, tra le ore 08:00 e le ore 14:00 (prima non era presente alcun graffito). La cosa che ci lascia alquanto perplessi è: “com’è possibile realizzare un simile scempio senza che nessuno abbia potuto accorgersi di nulla?...” La stazione, che tra l’altro è sottoposta al vincolo conservativo delle belle arti era stata in parte, da poco ristrutturata. AMO - COLORNO si era impegnato a chiedere ad RFI, la messa in decoro dell’area, e dopo una lunga trattativa era riuscita ad ottenere la sistemazione della porta della sala d’aspetto, di alcune finestre, dell’area ex carico - scarico merci allora ricolma di rifiuti e del ripristino del muro esterno. Siamo davvero avviliti e arrabbiati. Quest’ennesimo gesto d’inciviltà, al paese non fa bene perchè annulla l’impegno di tutti coloro che cercano di rendere più gradevole e vivibile Colorno. Adesso è doveroso che si provveda ad installare quanto prima un impianto di telecamere atto alla tutela dei viaggiatori e della nostra stazione. Cosa fattibile come dimostrato dalla disponibilità di RFI a seguito di risposta ad un’interrogazione fatta in regione dal consigliere Dott. Giancarlo Tagliaferri di Fratelli d’Italia, per nostro conto, che chiedeva, tra i vari elementi contenuti, proprio l’installazione di un sistema di videosorveglianza atto a tutelare il decoro dell’area. Invitiamo altresì coloro che hanno visto e riconosciuto il vandalo, ove fosse stato possibile, ad interfacciarsi con le forze dell’ordine. Il graffito sembra sempre lo stesso, ed anche la mano di colui che l’ha realizzato per la terza volta di fila.

Torna su
ParmaToday è in caricamento