Tornano a Parma dopo 10 anni i carabinieri a cavallo

I carabinieri del 4’ reggimento di Roma saranno impegnati per le prossime due settimane in città

Saranno impegnati per le prossime due settimane i Carabinieri del 4’ reggimento di Roma che coadiuveranno i Carabinieri della Compagnia di Parma nei servizi di vigilanza nelle zone del centro della città e nei servizi di ordine pubblico. Il reggimento carabinieri a cavallo continua la gloriosa tradizione della Cavalleria Italiana, istituito a Roma il 1 aprile 1963 e dotato di stendardo di guerra concesso dal Capo dello Stato.

I cavalli dal mantello sauro saranno presenti quotidianamente con una pattuglia a partire dal 01 dicembre per le vie della città per svolgere principalmente servizi nelle aree verdi urbane di interesse turistico, naturalistico e archeologico; nonché per rafforzare il dispositivo di prevenzione di reati predatori. I cavalli, addestrati perso il centro ippico del 4’ reggimento,vengono gradualmente abituati agli agenti esterni affinché imparino a tollerarli e rispondere correttamente agli stimoli; al termine della prima fase di addestramento vengono poi trasferiti al Gruppo Squadroni ove si provvede ad ultimare l’addestramento per l’impiego esterno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

É qui che inizia la fase di addestramento avanzata che vede il ricorso a scenari operativi all’interno delle strutture dell’Arma al fine di poter trasmettere le tecniche di intervento per l’identificazione, le immobilizzazioni di facinorosi, i servizi di ordine sicurezza pubblica.L’iter formativo solitamente ha una durata variabile dai 6 ai 12 mesi in base al grado di apprendimento del cavallo. Parallelamente all’elevato livello di addestramento richiesto agli animali, corrisponde un’elevata professionalità  degli addestratori che instaurano un rapporto di reciproca comprensione tra l’essere umano e il cavallo. Un grande ritorno a Parma teso a perpetrare il pluricentenario rapporto di vicinanza con i cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

Torna su
ParmaToday è in caricamento