Tumore al seno: esperti a confronto per parlare delle cure più innovative

Convegno venerdì 21 giugno a Parma, all'NH Hotel. Musolino: "E' in corso una vera e propria rivoluzione nei trattamenti clinici"

Un milione di nuovi casi ogni anno e 400 mila morti: questi sono i dati a livello mondiale dell’impatto del carcinoma mammario. Ma ora è in corso una vera e propria rivoluzione clinica nella diagnosi e nel trattamento oncologico della patologia con un conseguente calo della mortalità, grazie alla diagnosi precoce e all’impiego di trattamenti sempre più efficaci ad azione mirata.

“Ne è un esempio il Ribociclib – spiega Antonino Musolino, Responsabile del programma interaziendale di Breast Unit – principio attivo inibitore delle cicline la cui valenza terapeutica è stata riconosciuta al convegno della Società Americana di Oncologia Clinica tenutosi recentemente a Chicago, che è passato dalla fase di ricerca all’adozione nella pratica clinica in pochissimi anni, con provati vantaggi per le giovani donne colpite da tumore metastatico al seno”. “La Breast Unit di Parma –continua il dottor Musolino - ha partecipato sia alla fase di sperimentazione sia all’immediata adozione di tale terapia per le pazienti affette dalla patologia, al pari dei centri europei e americani di riferimento”.

Definire l’esatto bersaglio molecolare e metterlo a disposizione prima possibile delle pazienti richiede un aggiornamento continuo dei professionisti coinvolti sia nella ricerca che nel percorso di diagnosi e cura.

Al fine di costruire un momento di confronto tra le esperienze e mettere in pratica le evidenze emerse dai più recenti convegni internazionali venerdì 21 giugno si riuniranno all’NH Hotel di Parma esperti di fama nazionale ed internazionale in occasione del convegno “Breast Cancer: from molecular signatures to clinical oncology” per discutere degli aspetti più innovativi della ricerca biologica e clinica che possono, o potranno, essere traslati nell’attività assistenziale.

Il convegno di cui Antonino Musolino è responsabile scientifico, è organizzato dal Gruppo Oncologico Italiano di Ricerca Clinica (Goirc) che coinvolge 30 Centri in Italia tra cui l’Oncologia Medica e la Breast Unit di Parma che racchiude al suo interno tutte le professionalità per seguire dalla diagnosi ai controlli le pazienti colpite da tumore al seno.

Cos’e la Breast Unit

Da oltre due anni è attiva a Parma la struttura interaziendale Breast Unit un centro di senologia multidisciplinare che riunisce i professionisti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma e dell’ Azienda Usl per un percorso diagnostico terapeutico calibrato sulla paziente, con l’obiettivo di accompagnarla in tutte le fasi del percorso di cura.

Questo per la donna vuol dire non mettersi alla ricerca ora del radiologo, dell’oncologo o del chirurgo, ma essere fin dall’inizio seguita dalla diagnosi al trattamento da un’equipe specializzata.

La Breast Unit delle Aziende sanitarie di Parma, diretta da Antonino Musolino mette in rete: lo screening mammografico, la Radiologia senologica, la Chirurgia senologica, l'Oncologia medica, la Radioterapia, la Medicina nucleare; la Chirurgia plastica, la Medicina riabilitativa, l'Anatomia patologica, la Genetica medica, Centro Hub regionale di genetica per il rischio eredo-familiare e il Registro tumori provinciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollino antifascista, Pizzarotti sul ricorso al Tar: "Proponetelo tutti per un'Italia antifascista"

  • "Columbus, lo stabilimento di Martorano chiuderà nei primi mesi del 2020: a rischio centinaia di posti"

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • Choc in centro: "I ragazzini delle baby gang si lanciano sotto ai bus in marcia"

  • Maltempo, perturbazione in arrivo: da giovedì neve a Parma

  • Senza patente distrugge tre auto e provoca un incendio, poi scappa: fermato giovane di Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento