Un casco trova-vena per la pediatria di Parma

Giocamico con I Dané del Parma, l’associazione Luca Sisti e l’azienda agricola Bré del Gallo donano una strumentazione all’avanguardia

Hanno unito le forze per centrare un grande obiettivo: regalare un visore che individua le vene per i pazienti della pediatria. Parma sarà una delle prime strutture ad averlo e questo grazie allo sforzo congiunto dei Dané del Parma, dell’associazione Luca Sisti e dell’azienda Agricola Bré del Gallo, coordinati da Giocamico che da oltre vent’anni è al fianco dei professionisti e dei piccoli in cura all’Ospedale dei bambini. Il caso verrà presentato e mostrato nel suo funzionamento

Sabato 8 giugno, ore 10.30, Atrio Ospedale dei bambini, Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ingresso consigliato da via Abbeveratoia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Saranno presenti: I Dané del Parma, l’associazione Luca Sisti e Bré del Gallo, Icilio Dodi, direttore Pediatria generale e d’urgenza dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Pierpacifico Gismondi, medico della Clinica pediatrica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Luciano Bortone, anestesista della 1° Anestesia e Rianimazione dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, le coordinatrici infermieristiche della Pediatria generale e d’urgenza Giuseppina Nicosia e Claudia Marcatili, Corrado Vecchi, presidente Associazione Giocamico

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Emergenza Covid-19, 100 carabinieri contagiati: un militare di Noceto è deceduto

Torna su
ParmaToday è in caricamento