Accoltellamento sul bus 5: in manette un nigeriano per tentato omicidio

L'accusa è tentato omicidio. Tra le tre persone fermate nel pomeriggio del 26 febbraio in seguito all'accoltellamento avvenuto a bordo del bus 5 che stava transitando in via Mazzini un nigeriano, connazionale della vittima dell'aggressione, è stato arrestato

L'accusa è tentato omicidio. Tra le tre persone fermate nel pomeriggio del 26 febbraio in seguito all'accoltellamento avvenuto a bordo del bus 5 che stava transitando in via Mazzini un nigeriano, connazionale della vittima dell'aggressione, è stato arrestato e secondo gli inquirenti sarebbe lui ad aver sferrato la coltellata all'addome del 22enne, gravemente ferito e ricoverato all'Ospedale Maggiore di Parma. La lite è iniziata fuori dal bus e il 22enne sarebbe scappato a bordo del mezzo pubblico, con l'intento di riuscire così ad evitare l'aggressione. Invece le cose, per lui, non sono andate come sperava. E' stato colpito proprio a bordo di un bus, forse per un regolamento di conti, ed è stato poi soccorso dagli operatori del 118. L'uomo arrestato con l'accusa di tentato omicidio si trova nel carcere parmigiano di via Burla. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus, chiusura delle scuole prorogata dopo il 1° marzo? La decisione venerdì 28 febbraio

  • Coronavirus, quattro nuovi casi a Parma: il bilancio sale a otto

Torna su
ParmaToday è in caricamento