La Regione chiede lo stato di emergenza: 105 milioni di euro di danni

Il presidente Bonaccini: "Auspichiamo che la nostra richiesta possa essere accolta già nella prossima seduta del Consiglio dei ministri, che quasi sicuramente si riunirà entro Natale"

La Regione Emilia-Romagna ha chiesto al Governo di attivare lo stato di emergenza per i territori colpiti dall'alluvione di martedì 12 dicembre. Il presidente Stefano Bonaccini infatti ha firmato, nel pomeriggio di ieri 15 dicembre, la richiesta che verrà inviata immediatamente al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e al Governo. L'invio della richiesta era stata anticipato proprio da Bonaccini a Gentiloni nei giorni scorsi. L'esondazione di fiumi e corsi d'acqua in Regione, tra i quali la Parma che ha invaso Colorno e l'Enza che ha sommerso l'abitato di Lentigione, nel Comune di Brescello, hanno provocato danni ingenti. La richiesta è di 105 milioni di euro, tra i 30 milioni destinati alle strutture private e i 75 milioni per le somme urgenze, compresa la riduzione del rischio residuo. Dal conto finale sono escluse le imprese, anche quelle agricole: nei prossimi giorni verrà calcolata l'entità dei rimborsi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In tempi rapidissimi, abbiamo già chiuso il rapporto con la prima conta dei danni, per inviare al Governo la richiesta di dichiarazione dello stato di emergenza nazionale - affermano il presidente Bonaccini e l’assessore alla Protezione civile, Paola Gazzolo -. Le aree e i cittadini colpiti, in particolare gli alluvionati di Lentigione, non possono attendere. Dopo lo stanziamento dei primi 2 milioni di fondi regionali per l’immediata urgenza, deciso in Giunta, vogliamo continuare a dare risposte rapide ed efficaci per ristabilire al più presto la sicurezza del territorio, per far rientrare le persone nelle loro case e per far ripartire imprese e attività produttive. Conclusa la ricognizione iniziale dei danni a infrastrutture pubbliche e cittadini, nelle prossime ore chiuderemo anche quella relativa ad imprese e agricoltura: tutti devono avere una risposta, nessuno escluso. Auspichiamo che la nostra richiesta possa essere accolta già nella prossima seduta del Consiglio dei ministri, che quasi sicuramente si riunirà entro Natale". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

Torna su
ParmaToday è in caricamento