Arresto per spaccio di droga e armi: il Questore chiude la caffetteria Maria Luigia a Colorno

Il provvedimento prevede la sospensione della licenza per 15 giorni

Il Questore ha sospeso la licenza alla caffetteria Maria Luigia, in piazza Garibaldi a Colorno, per quindici giorni, dopo la notizia dell'inchiesta dei carabinieri di Castelnovo nè Monti che ha portato all'arresto di una persona, legata al pubblico esercizio, per possesso di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di armi. 

Il provvedimento del Questore, che ha come finalità la tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, è stato adottato a seguito di una operazione di polizia giudiziaria compiuta, nel corso della settimana scorsa, dai militari del Comando Provinciale di Reggio Emilia che ha portato all’arresto di un soggetto legato al pubblico esercizio per i reati di ricettazione e detenzione abusiva di armi, nonché detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. "Posta la evidente pericolosità sociale della caffetteria, diventata luogo di spaccio di sostanze stupefacenti e di frequentazione di persone gravitanti in ambiente criminogeno, il Questore di Parma, con tale provvedimento, ha così inibito la prosecuzione di una situazione di pericolosità sociale al fine di prevenire il reiterarsi di condotte criminali". 

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

  • Verità e falsi miti sui rimedi anti medusa

I più letti della settimana

  • Chiesi, 4 lettere di licenziamento: parte lo stato di agitazione

  • Neonato di 8 mesi si ustiona in Autogrill: è grave al Maggiore

  • Ecco le baby gang che tengono in ostaggio il centro: "Giovanissimi tra alcol, droga e risse violente"

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • Metalmeccanici, il 14 giugno è sciopero generale: lavoratori di Parma alla manifestazione di Firenze

  • Studenti di Chimica dell’Ateneo di Parma scoprono un nuovo polimorfo cristallino della proteina PCNA umana

Torna su
ParmaToday è in caricamento