Baby gang aggredì un giovane con calci, schiaffi e un tirapugni in via Università: 19enne condannato

Il pestaggio avvenne nel 2014 in concorso con altri tre giovani, minorenni: l'unico maggiorenne è stato giudicato colpevole con una condanna di un anno e sei mesi

Un pestaggio in piena regola, senza un apparente motivo. Uno studente di Ingegneria dell'Università di Parma che la sera dell'8 novembre del 2014 si trovava in via dell'Università, in pieno centro, era stato picchiato con violenza da quattro giovani, componenti di una baby gang. Lo avevano avvicinato ed avevano sferrato contro di lui calci, pugni e anche alcuno colpi con un tirapugni: i ragazzi, poi identificati, erano due albanesi minorenni, un albanese di 19 anni e un italiano di 16 anni. Il 19enne, l'unico maggiorenne del gruppo all'epoca dei fatti, è stato condannato dal Tribunale ordinario ad un anno e sei mesi di reclusione per lesioni e minacce, con l'aggravante di aver compiuto il reato con minorenni: il 19enne dovrà anche pagare un risarcimento di 4 mila euro al giovane aggredito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus, chiusura delle scuole prorogata dopo il 1° marzo? La decisione venerdì 28 febbraio

  • Coronavirus, quattro nuovi casi a Parma: il bilancio sale a otto

Torna su
ParmaToday è in caricamento