Baby gang semina il panico al Lubiana e danneggia le auto in via Malaspina: denunciato un 14enne

Circa 40 ragazzini, tra cui diversi minorenni, si sono resi protagonisti di alcuni vandalismi in quartiere

Si sono ritrovati nel quartiere Lubiana e senza un motivo apparente hanno iniziato a danneggiare le auto parcheggiate e i cartelli stradali. Ieri pomeriggio un gruppo di circa 40 ragazzini, tra i quali diversi minorenni, ha seminato il panico in quartiere, fino all'arrivo dei poliziotti delle Volanti. Alcuni ragazzi, in particolare, hanno danneggiato lo specchietto di un furgone parcheggiato in via Malaspina ma sono stati visti da un passante, che in quel momento stava parcheggiando la propria auto. Mentre il gruppo si spostava verso il parco di fronte alla scuola Newton il testimone ha chiamato i poliziotti, che sono giunti in pochi minuti sul posto. I ragazzi si erano già dileguati mentre un 14enne si era nascosto nei pressi di una pianta vicino alla biblioteca Pavese. Gli agenti lo hanno scovato: il giovane ha detto di non essere responsabile del danneggiamento ed ha fornito false generalità. Il testimone invece lo ha riconosciuto come autore del vandalismo. Per il 14enne, che è stato riaffidato alla madre, una denuncia per false generalità e una per danneggiamento aggravato. 

Potrebbe interessarti

  • Come smettere di fumare: trucchi e consigli

  • Come combattere il caldo durante il viaggio in auto

  • Sabbia in casa: trucchi e consigli per liberarsene

  • Quando gli odori risvegliano i ricordi

I più letti della settimana

  • Picco di caldo a Parma: ecco come saranno le temperature per Ferragosto

  • Motociclista 36enne muore al Maggiore dopo uno scontro contro un pick up

  • Rischia di annegare al mare a Marina di Massa: 38enne di Fontanellato gravissima

  • Atleta cade in un burrone durante una gara di trial: 48enne muore al Maggiore di Parma

  • Organizzava spedizioni punitive dalla sua casa di Borgotaro: arrestato boss della 'Ndrangheta

  • Scossa di terremoto 3.9 con epicentro a Borgotaro

Torna su
ParmaToday è in caricamento