Baby gang under 14: le violenze dei bulli contro i più piccoli

Due episodi sono stati denunciati ai Carabinieri: alle Medie di Basilicagoiano e alle Elementari di Monticelli Terme

Ancora casi di bullismo a scuola da parte di giovanissimi. Dopo l'episodio del coltello che sarebbe stato estratto in classe da un alunno, di cui vi avevamo parlato qualche settimana fa, ora sono state presentate due denunce ai Carabinieri, in relazione a due episodi che si sarebbero verificati nella scuola media di Basilicagoiano e nella scuola elementare di Monticelli Terme. Nel primo caso, secondo quanto riportato dalla Gazzetta di Parma, si sarebbero verificati episodi di violenze nei confronti degli alunni più piccoli, nel secondo caso un bambino di dieci anni avrebbe cercato di 'strangolare' con una cordicella un altro alunno di otto anni. E' chiaro che in questo caso il limite tra gioco e 'bravata' pericolosa è labile. Sicuramente episodi come questi fanno riflettere sul contesto in cui sono avvenuti: alle Medie e alle Elementari, spazi frequentati da ragazzini e da bambini. Forse è il primo caso quello che preoccupa di più: un gruppetto di 13enni e 14enni, tra cui una ragazza, secondo quanto riferito anche da alcuni genitori dei ragazzini presi di mira, si muoverebbe imponendo il proprio volere e prendendosela soprattutto con i più piccoli, con minacce ed anche violenza fisica. Un ragazzino, per esempio, sarebbe stato preso per il collo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Bannone, pauroso frontale tra auto e furgone: tre feriti gravi

Torna su
ParmaToday è in caricamento