La donna annegata nel Po è la cantante Bebe Brown

Sospese le ricerche della 34enne scomparsa nel Po il pomeriggio di Pasqua: Agne "Bubi" Tokunboh cantava nei pianobar

Il suo nome d'arte era Bebe Brown e cantava nei pianobar. Agne "Bubi" Tokunboh, 34enne di origine nigeriana, è annegata nel pomeriggio di Pasqua nelle acque del Po a Boretto. La ragazza, che lavorava come parrucchiera, aveva la passione della musica e del canto e si esibiva nei locali tra Parma e Reggio Emilia. Sulla sua bacheca alcuni amici hanno lasciato messaggi per lei: alcune immagini in ricordo della ragazza, compresa una frase del Piccolo Principe di Sant Exupéry. "Bebe dove sei?" si legge in un altro post. Le ricerche di Bebe Brown sono state interrotte ieri sera, 18 aprile. Il corpo non è ancora stato trovato: era entrata nel fiume alle ore 17.30 del pomeriggio di Pasqua. Alcune persone l'hanno vista chiedere aiuto, poi non è più riemersa. Le ricerche, condotte con i sommozzatori e gli elicotteri dei Vigili del Fuoco non hanno dato esito: il cadavere della ragazza non è ancora stato trovato. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Ballottaggio: seggi chiusi affluenza definitiva al 45, 17% - 184 sez su 207 Pizzarotti al 58,06%

    • Cronaca

      Incendia la camera da letto in cui dorme la moglie per ucciderla: figlia ustionata gravemente

    • Cronaca

      Un contagiato da malattia da virus Chikungunya

    • Sport

      Parma, un sì senza 'pretese': Lucarelli ha scelto

    I più letti della settimana

    • Sorbolo: 40enne muore durante una partita di calcetto

    • Auto nel fosso a Samboseto: muore il conducente 70enne

    • Incendia la camera da letto in cui dorme la moglie per ucciderla: figlia ustionata gravemente

    • Roccamurata, moto contro fuoristrada: muore motociclista 47enne

    • Blitz allo Spip: scoperta azienda con tutti gli operai in nero

    • Sala Baganza: maxi incendio distrugge la disossatura Agnetti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento