homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Bonaccini in Municipio: 'Ciò che fa bene a Parma fa bene all'Emilia-Romagna'

Piena collaborazione istituzionale fra il Comune di Parma e l'Amministrazione Regionale, in vista ai territori del Parmense - Tanti progetti e fondi in arrivo per sostenere lo sviluppo, la rete infrastrutturale e valorizzare le eccellenze del territorio

"L'incontro di oggi - ha esordito il sindaco Federico Pizzarotti nella conferenza stampa in Municipio - è un'occasione importate per  fare il punto su temi che da tempo stiamo trattando insieme all'Amministrazione Regionale e sulle opportunità che si possono presentare per il territorio. Mi riferisco ad esempio al piano di sviluppo dell'aeroporto Verdi, e agli impegni che la Regione assume per sostenere gli interventi infrastrutturali, a cominciare dalla cassa di espansione sul Baganza, che richiederà anche un robusto intervento del Governo. E ci fa piacere che ci sia attenzione anche sulla tematica della gestione dei rifiuti, con obiettivi importanti sulla raccolta differenziata in vista del traguardo 2020, che Parma ha ormai raggiunto, tanto da essere destinataria (la notizia è di oggi) di un contributo in quanto città più virtuosa nella gestione della filiera dei rifiuti".

"Ciò che fa bene a Parma, fa bene all'Emilia Romagna": questa frase scandita dal presidente Stefano Bonaccini è la migliore sintesi dello spirito con cui la Giunta regionale ha incontrato i territori, chiudendo il giro a Parma, dove l'Amministrazione si è presentata al gran completo, con un tour del force iniziato a Borgotaro, continuato a Fidenza, proseguito a Colorno, fino alla tappa di Parma, prima in Municipio, poi in Provincia, ancora all'ex Eridania e all'Aeroporto Verdi, per concludere questa operosa giornata in altri comuni del parmense.

Bonaccini ha parlato del boom turistico  in Emilia Romagna e della volontà di confermarsi come "locomotiva" del paese: "La nostra ossessione - ha detto - è creare posti di lavoro".  E ha aggiunto che  la Regione è impegnata in prima fila per valorizzare l'agroalimentare, anche in forza del riconoscimento ricevuto da Parma, ed ha annunciato che si cercherà di arrivare ad un'unica gestione dei sistemi fieristici dell'Emilia Romagna, che si punterà a  vincere la sfida della competitività sostenendo l'economia e lo sviluppo, le imprese e la ricerca dell'Università.

La novità più importante, proprio di giornata, è arrivata dall'assessore all'agricoltura Simona Caselli, che ha annunciato l'avvenuta approvazione di un piano di 60 milioni di euro per interventi e trasformazione nell'agroindustria , finanziamenti che innescheranno investimenti per 150 milioni di euro, privilegiando i marchi DOP e IGP, i prodotti biologici e gli interventi sui territori montani, in materia di impianti, innovazione, attrezzature, sostenibilità ambientale e sicurezza sul lavoro. L'assessore all'ambiente Paola Gazzolo ha illustrato i progetti in atto per la messa in sicurezza del territorio, mentre Patrizio Bianchi (delegato all'istruzione) ha annunciato che a Parma è previsto lo stanziamento  di 7,6 milioni per l'edilizia scolastica, ed Elisabetta Gualmini (politiche sociali) ha annunciato innovazioni per i servizi educativi per la prima infanzia, elogiando Parma per le scelte coraggiose messe in atto    sulla gestione degli asili e per la capacità di una rapida rotazione nelle case popolari, sulle quali è previsto un investimento  di oltre 3 milioni e mezzo nei prossimi anni. 
Infine lo stesso presidente Bonaccini  ha reso noto che verranno stanziati 7 milioni di euro per l'edilizia ospedaliera a Parma, di cui 5 destinati alla costruzione del day hospital oncoematologico.

Rispondendo alle domande dei giornalisti il Presidente della Regione ha affermato che nel 2020 potremo chiudere le discariche e cominciare a chiudere qualche forno inceneritore, mentre per l'Aeroporto la Regione, per bocca dell'assessore Raffaele Donini, ha reso noto che si punterà a specializzarlo sui cargo, con la consapevolezza che gli aeroporti, Parma compreso, debbono però essere autosufficienti per stare sul mercato. E Pizzarotti ha annunciato che già in serata sarebbe stato presentato alla Regione il piano  economico finanziario, chiedendo attenzione non per la gestione dello scalo, ma per i necessari interventi infrastrutturali allo scopo di renderlo competitivo sul mercato.
Infine, una battuta sulla TI-BRE: "Intanto si faccia pure il primo tratto dell'Autostrada, che per noi resta come "priorità due"  - ha affermato Bonaccini - noi insistiamo però sul raddoppio della Pontremolese ferroviaria  come grande vera opportunità per il territorio". 
  
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Enza, tre persone semiannegate: due in Rianimazione

    • Cronaca

      Terrorismo, prelevato il Dna ai detenuti del carcere di via Burla

    • Sport

      Il Parma ha il sì di Evacuo: tutto aperto per Volta e Antenucci

    • Cronaca

      Parmigiani in Inghilterra, le testimonianze: 'A Londra non si è mai stranieri"

    I più letti della settimana

    • Schianto tra autobus e camion: venti feriti, due gravi

    • Sara non ce l'ha fatta: "Sarai sempre nei nostri cuori"

    • Incidente in A1 tra 3 mezzi pesanti: camionista in Rianimazione

    • Allarme in Via D’Azeglio, la rivolta dei commercianti: “Con trenta euro a sera siamo destinati a morire"

    • Giovane 24 enne muore annegata nel fiume Enza

    • Bedonia, operaio 34enne muore mentre carica legna

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento