Borgo della Posta, asfalto già danneggiato? "Intervento per una fuga di gas"

Un nostro lettore ci aveva segnalato l'asfalto danneggiato a tre giorni dalla fine dei lavori: ecco la ragione

Un lettore ieri 29 agosto ci aveva segnalato che, a tre giorni dall'apertura della strada appena pavimentata, la strada era già nuovamente danneggiata. Il Comune di Parma chiarisce che si è trattato di un intervento necessario in seguito ad una fuga di gas, segnalata da un residente. 

"In merito ai lavori eseguiti in borgo della Posta -si legge in una nota- il Comune, assessorato ai lavori pubblici, rende noto che sono stati effettuati intervenuti radicali, rimuovendo tutto lo spessore d’asfalto presente, gravemente ammalorato, e ricostruendo completamente la pavimentazione. 

A qualche giorno dall’apertura della strada al traffico, purtroppo, IRETI GAS è intervenuta d’urgenza a causa di una perdita delle tubazioni sotterranee, a seguito della segnalazione di un cittadino che sentiva forte odore di gas. Pertanto nonostante i lavori appena conclusi di rifacimento del manto stradale, si è reso necessario l'intervento urgente sulla condotta del gas da parte di IRETI per ovviare al problema e garantire la sicurezza. La stessa IRETI GAS, una volta concluso l'intervento, provvederà a sistemare il manto stradale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

  • Coronavirus: in arrivo una nuova certificazione

Torna su
ParmaToday è in caricamento