Bimba di sei anni muore per meningite

Camilla Orioli era ricoverata nel reparto di Rianimazione dell'Ospedale Maggiore: era residente a Langhirano e frequentava una scuola elementare di Parma

E’ deceduta oggi, mercoledì 19 febbraio, nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale Maggiore, una  bambina di soli sei anni, Camilla Orioli, ricoverata in gravissime condizioni per meningite batterica da streptococco (gruppo A), diagnosticata dai pediatri dell’Ospedale dei Bambini di Parma “Pietro Barilla”, al momento dell’arrivo in Pediatria, venerdì 14 febbraio.

La bambina, arrivata al Maggiore con un grave quadro clinico, da sabato era ricoverata in gravissime condizioni in 1° Anestesia e Rianimazione. Residente nel comune di Langhirano e iscritta a una scuola elementare nel comune di Parma, la bambina si è ammalata di meningite batterica da streptococco beta emolitico di gruppo A, una forma invasiva rara rispetto alle più comuni manifestazioni da streptococco quali faringite, faringotonsillite, scarlattina.

Per queste forme di meningite non è prevista alcuna profilassi antibiotica, ma è indicata in via del tutto precauzionale l’esecuzione di un tampone faringeo ai contatti più stretti del malato, anche se questi non presentano sintomi.

Stamattina, dunque, i professionisti della Pediatria di Comunità dell’Azienda Usl del Distretto di Parma hanno provveduto ad eseguire il tampone faringeo ai compagni di classe e agli insegnanti della bambina, mentre i suoi famigliari hanno eseguito il tampone agli ambulatori del Servizio di Igiene e sanità pubblica. Ai casi che risulteranno positivi allo streptococco verrà prescritta idonea terapia antibiotica. Purtroppo per le infezioni da streptococco beta emolitico di gruppo A non è disponibile un vaccino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le Aziende sanitarie di Parma esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia in questo momento di profondo dolore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "C'è una festa clandestina" e chiamano i carabinieri: era un giovane che giocava alla playstation

  • Va in auto in un supermercato di San Polo d'Enza per fare avance ad una cassiera: parmigiano denunciato

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus, chiusura totale delle attività produttive: aperti supermercati e farmacie

  • Coronavirus: si può fare la spesa in un supermercato fuori dal Comune solo se è il più vicino a casa

Torna su
ParmaToday è in caricamento