Caos a Noceto, lanci di bottiglie e di pentole: lite tra conviventi interrotta dai carabinieri

I due sono stati identificati e portati in Caserma dai militari, intervenuti dopo la segnalazione di alcuni cittadini

Urla, lanci di pentole e di bottiglie, in piena mattinata, all'interno di un appartamento di Noceto. Una lite violenta tra due conviventi, un uomo di origine tunisina e una donnna di origine algerina, è stata interrotta dall'arrivo dei carabinieri nella giornata di martedì 18 febbraio, verso le ore 9.30 in via Matteotti. Tutto è iniziato quando il confronto violento tra i due, già noti alle forze dell'ordine per reati legati alla droga, è degenerato nel lancio di oggetti. La donna infatti, mentre si trovava vicino ad una finestra, ha iniziato a lanciare pentole contro il convivente. I passanti si sono accorti della situazione ed hanno chiamato la polizia Locale e i carabinieri. I militari di Noceto sono entrati ed hanno identificato ed accompagnato in Caserma i due, che non erano feriti ma avevano solo alcune contusioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento