Capitali occultati all'estero per evitare il Fisco: sequestrati altri 100 mila euro in Slovenia e Croazia

Nuovi sviluppi dell'operazione 'Parola d'ordine' della Finanza che portò a 9 arresti, tra cui quello di Wally Bonvicini

Nei mesi scorsi, la Guardia di Finanza di Parma - coordinata dalla Procura della Repubblica di Parma - ha realizzato un’importante operazione durata oltre due anni, denominata “Parola d’Ordine”, che ha portato allo smantellamento di una pericolosa associazione a delinquere, costituita da 9 persone, finalizzata all’illecito occultamento all’estero di ingenti capitali.

Le indagini rivelarono che, dietro la parvenza apparentemente “pulita” di un’associazione antiracket con sede a Parma, si celava in realtà un articolato consorzio criminale a carattere transnazionale, capeggiato da W.B., la quale, trasferendo illecitamente all’estero (prevalentemente in Slovenia, Senegal e Croazia) gli asset patrimoniali dei propri “clienti”, era in grado di impedire od ostacolare procedure esecutive azionate nei loro confronti da soggetti privati (ad esempio, intermediari finanziari) o pubblici (Equitalia o altri enti di riscossione).

Nonostante i numerosi arresti operati nello scorso mese di settembre, le indagini non si sono fermate: i finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Parma hanno rivolto la loro attenzione oltre confine, in particolare in Slovenia e Croazia.

Grazie ai vigenti strumenti di cooperazione internazionale di polizia e di alcune rogatorie inoltrate dalla Procura della Repubblica di Parma, i militari hanno così potuto individuare e porre sotto sequestro circa 85 mila euro depositati su conti correnti aperti nei due Paesi della ex Jugoslavia ed intestati alla menzionata W.B.. Stessa sorte per alcuni rapporti finanziari riconducibili ad altri componenti del sodalizio criminale.

In definitiva, i 100 mila euro nel complesso rinvenuti in territorio estero si aggiungono ai cospicui patrimoni mobiliari ed immobiliari, per un valore di circa 7 milioni di euro, precedentemente sequestrati in Italia, tra i quali spiccano gli oltre 95 mila euro giacenti presso istituti di credito nazionali.

Secondo i finanzieri la rilevanza dei sequestri operati costituisce un’ulteriore importante riprova del fatto che i servizi forniti dall’associazione antiusura erano tutt’altro che gratuiti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate per cambiare contratti luce e gas: Federconsumatori mette in guardia gli utenti

  • Paura a Mamiano, auto finisce nel canale e si schianta contro un muretto: gravissimo bimbo di 9 anni

  • Bomba d'acqua a Parma: allagamenti e disagi alla circolazione stradale

  • Incidente in tangenziale, è giallo: bici accartocciata e tracce di sangue ma il ferito non si trova

  • Assicuratore-pusher 37enne gestiva un traffico di marijuana e hashish in Università: quattro arresti

  • Gioca 5 euro e vince 66 milioni di euro: maxi vincita al Superenalotto a Basilicagoiano

Torna su
ParmaToday è in caricamento