Cemento Spa, Legambiente: "Emilia-Romagna sul podio degli illeciti"

Dossier dell'associazione su mafia, corruzione e abusivismo edilizio nel Nord. Parma tirata in ballo per gli arresti di Green Money 2 e per gli 11 assessori indagati nella vicenda dell'Ospedale Vecchio

L'ospedale vecchio

CEMENTO SPA: IL DOSSIER DI LEGAMBIENTE
Mafie, corruzione, illegalità: sono l’altra faccia dell’Italia, tre criticità che colpiscono tutta la Penisola. Negli ultimi cinque anni anche il Nord-Italia ha, infatti, registrato dati allarmanti che indicano come questi fenomeni non siano una prerogativa solo del Sud del Paese. E i numeri parlano chiaro: dal 2006 al 2010 ci sono state 7.139 infrazioni, 9.476 persone denunciate, 1.198 sequestri, 9 arresti. Senza contare lo scioglimento forzato o le dimissioni anticipate di consigli comunali per infiltrazioni mafiose, Piani di governo del territorio (Pgt) scritti e riscritti “sotto dettatura”, professionisti sorpresi con la mazzetta in mano - banconote da 200 e 500 euro - e ancora omicidi, sequestri, denunce.

In Emilia Romagna la situazione non è diversa rispetto alle altre regioni del Nord: la nostra regione si posiziona infatti al terzo posto nella poco rassicurante classifica degli illeciti del ciclo del cemento, con 1431 persone denunciate (15% del totale del nord Italia), e 243 sequestri effettuati.

LE MANI DEI CLAN SULL'EMILIA-ROMAGNA
La relazione annuale della Direzione Nazionale Antimafia (2010), descrive chiaramente quanto la presenza dei Clan mafiosi in Emilia Romagna sia una realtà acquisita, con una consolidata presenza delle imprese mafiose negli appalti, nelle speculazioni immobiliari e nel traffico illecito di rifiuti.

Come si legge nelle relazioni della Direzione investigativa antimafia, la ‘ndrangheta e i clan campani sono le organizzazioni criminali più radicate in regione. La prima è «tradizionalmente  presente nel reggiano, e più recentemente nelle province di Parma e Piacenza ed in quella di Rimini (ove pure operano cellule di cosche crotonesi e reggine) con una strategia criminale tesa alla mimetizzazione nell’economia legale, a cominciare dal mercato edile ed immobiliare»; la seconda invece scorrazza in mezza regione.

SCARICA IL DOSSIER CEMENTO SPA DI LEGAMBIENTE

PARMA NEL DOSSIER
Una delle vicende di presunta corruzione che ha investito in pieno il comune di Parma la scorsa estate è quella che ha portato all’arresto di 11  persone, tra cui il comandante della polizia municipale, 3 dirigenti comunali e un investigatore privato. Si tratta dell’inchiesta denominata “Green Money 2” su presunte tangenti per i lavori del verde pubblico. Gli indagati sono accusati di corruzione e reati contro la pubblica amministrazione. La Guardia di finanza nel corso della conferenza stampa ha parlato di un giro di soldi pubblici per mezzo milione di euro. E’ stato lo stesso procuratore capo di Parma, Gerardo Laguardia, a dichiarare pubblicamente che «a Parma il fenomeno della corruzione è molto diffuso».

Sulle tracce di anomalie nell’attività dell’Amministrazione comunale, la procura di Parma ha messo sotto esame anche l’intero progetto di restauro dell’Ospedale vecchio, dove risultano indagati ben 11 assessori e un imprenditore. Al centro dell’indagine, la delibera del 27 maggio 2010 che affidava i lavori a una ditta in project financing. Le ipotesi di reato sono abuso di ufficio e violazione dell'articolo 170 del Codice Urbani sugli immobili di interesse storico e artistico. Un vero e proprio terremoto in Comune che, dopo le vibranti proteste della cittadinanza e di buona parte del mondo
politico, ha spinto a fine settembre scorso il sindaco Pietro Vignali a rassegnare le dimissioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se a Parma sulla corruzione ancora s’indaga e ogni conclusione è prematura, la presenza dei clan i Emilia Romagna è, invece, una realtà acquisita. Ne parla ampiamente la Relazione annuale della Direzione nazionale antimafia (2010), che descrive una consolidata presenza delle imprese mafiose negli appalti, nelle speculazioni immobiliari, nel traffico illegale di rifiuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Nuova ordinanza: dal 26 giugno i posti a sedere su bus e treni possono essere occupati al 100%

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Scuola, le linee guida di Azzolina preoccupano i dirigenti scolastici: "Insostenibili"

Torna su
ParmaToday è in caricamento