Trecasali, la centrale a biomasse non si farà: Eridania ritira il progetto

Lo fa sapere la consigliera regionale dei Verdi Gabriella Meo, ritenendola "una scelta saggia e lungimirante da parte della società". La proposta di Eridania aveva incontrato la dura opposizione dei comuni

"La direzione di Eridania Sadam ha annunciato l'intenzione di ritirare la proposta di centrale a biomasse nell'area industriale a San Quirico di Trecasali a causa della decisa opposizione dei Comuni, della normativa regionale sulle biomasse divenuta più stringente e delle intenzioni del Governo di rivedere l'ammontare degli incentivi per le fonti rinnovabili". Lo fa sapere la consigliera regionale dei Verdi Gabriella Meo, ritenendola "una scelta saggia e lungimirante da parte della società", e sottolineando di averla appresa nell'ambito di un incontro con i sindacati tenuto alla Provincia.

"Chiederò all'assessore all'Agricoltura Tiberio Rabboni - prosegue - di indirizzare i finanziamenti della Regione Emilia-Romagna, a partire da quelli del Piano rurale, sulle produzioni biologiche, tipiche e di qualità di cui è ricca la pianura parmense". I Verdi, che con Sel avevano chiesto una moratoria su biogas e biomasse - spiega - "sono sempre stati contrari" a questo impianto, che "non rientra" negli accordi 2010 tra associazioni bieticole e industrie dello zucchero, come ha recentemente chiarito la Giunta regionale proprio su sollecito della Meo. "Dispiace - commenta - che la società abbia giocato su questo equivoco per far credere che, anche in questo caso come in quello degli ex zuccherifici, sarebbe stato possibile derogare alle recenti linee guida regionali sugli impianti a biomasse".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la 38enne di Fontanellato colpita da un malore in acqua

  • Rischia di annegare al mare a Marina di Massa: 38enne di Fontanellato gravissima

  • Abusi sessuali nei confronti di un bambino di 11 anni: arrestato 37enne

  • Scossa di terremoto 3.9 con epicentro a Borgotaro

  • Ricatto a luci rosse: "Paga 2 mila euro o diffondiamo le immagini dei video porno che hai guardato"

  • Roccabianca: scoperte due concessionarie abusive di auto

Torna su
ParmaToday è in caricamento