Il ricordo a Charlie Alfa, un equipaggio in volo di soccorso

Il ricordo di Claudio Marchini, Annamaria Giorgio, Corrado Dondi e Angelo Maffei, scomparsi 26 anni fa con lo schianto dell'elicottero sul Ventasso

La tragedia di un intero equipaggio che ha perso la vita durante la missione di soccorso con il volo Charlie Alfa è ricordata questa mattina, come ogni anno, presso il cippo in via Casati Confalonieri, con la rievocazione della tragedia, ricostruita dai colleghi, e la commemorazione delle vittime: il pilota Claudio Marchini, il medico anestesista Annamaria Giorgio, gli infermieri Corrado Dondi eAngelo Maffei.

L’incidente è avvenuto alle 8.20 del 18 agosto 1990 quando l'elicottero EHCA Charlie Alpha dell'elisoccorso di Parma è precipitato sul monte Ventasso, a causa della nebbia fitta, dopo essersi alzato in volo per soccorrere un ferito nell'Appennino reggiano.  

Attiva a Parma da 27 anni con il suo primo intervento il 19 luglio 1988 a Varsi, oggi l’attività di soccorso con elicottero dei servizi d'emergenza 118 è estesa a tutto il paese, grazie all’utilizzo di elicotteri attrezzati per le emergenze sanitarie, all’intervento in tempi rapidi e alla tempestività dell’ospedalizzazione, che comprende anche la possibilità di scelta del luogo di cura più idoneo a seconda della  patologia. 

L’attività prevalente dell’elisoccorso è il soccorso primario, cioè quello eseguito direttamente sul luogo dell’evento. Ma ugualmente importante è anche l’attività di trasporto da ospedale a ospedale, in particolare verso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, che è centro di riferimento regionale - secondo il modello Hub & Spoke - per le elevate specialità di: Trauma center, Neurochirurgia, Cardiologia e Cardiochirurgia, Neuroradiologia, Nefrologia, Clinica Chirurgica e trapianti d’organo, Ematologia e Centro trapianti midollo osseo, Centro Ustioni e Terapia intensiva neonatale.    

Nel corso del 2015 gli interventi sono stati 826, con un andamento in lieve crescita  rispetto al 2014 e al 2013, quando l’elisoccorso si levò in volo rispettivamente 808 e 747 volte.  Analizzando i dati per luogo di intervento, si rileva che nel 2015 il 33,29% (pari a 275) è stato realizzato nelle abitazioni private, e il 40,19% (pari a 332) sulla strada.

Nel 2015 gli interventi complessivi gestiti dalla Centrale operativa 118 Emilia Ovest sono stati di 114.347 di cui 25.643 su Piacenza, 42.346 su Parma e 46.538 su Reggio Emilia. Sempre nel corso del 2015, l'Eliambulanza di Parma si è levata in volo 826 volte. I luoghi in cui l’elicottero è intervenuto più frequentemente sono le strade (40,19 % degli interventi), seguite dalle abitazioni private (33,29%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Bologna: 50enne incinta di sette mesi muore in casa

  • Coronavirus, l'appello choc di una 26enne: "In 40 metri quadri in 6 con 4 figli: non abbiamo i soldi per fare la spesa"

  • Buoni spesa, Pizzarotti: "Da venerdì si potrà compilare il modulo online: ecco chi potrà chiederli"

  • Coronavirus, Parma piange altri 25 morti e 118 nuovi casi: il totale supera i 2.200

  • Coronavirus, Sepe cuore d'oro: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

  • Coronavirus, Venturi contro Borrelli: "Il 1° maggio a casa? Smettetela di diffondere opinioni senza certezze"

Torna su
ParmaToday è in caricamento