Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Controllavano la zona tra Barriera Bixio e l'Ospedale delle Piccole Figlie

I Carabinieri del Norm hanno arrestato tre spacciatori: Sabri Jahinaooi, tunisino di 43 anni, Okoduwa Emmanuel, nigeriano di 27 e il connazionale e coetaneo Ogah Theophilu, l'accusa è quella di spaccio di sostanze stupefacenti. Erano tutti in Italia senza fissa dimora.

Sono state ricostruite circa 2000 cessioni di sostanza stupefacente tra cocaina, marijuana, hashish, eroina per un valore che si aggira intorno ai 75.000 euro.  I tre operavano singolarmente ed erano attivi sin dal 2015. Si muovevano in bici o in auto, in zone di città differenti e agivano tra  la zona di Barriera Bixio e l'Ospedale Piccole Figlie e abbracciavano clienti dai 20 ai 50 anni. Molti di loro erano abituali assuntori e acquistavano droga da vent'anni. Gli spacciatori erano capaci di repurerare in ogni momento le dosi richieste dai rispettivi clienti, con i consumatori che effettuavano almeno un acquisto a settimana. In molti casi stessi i puscher si preoccupavano di contattare personalmente alcuni clienti che non si erano riforniti per un certo periodo di tempo, consigliando loro l’acquisto di sostanze più potenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollino antifascista, Pizzarotti sul ricorso al Tar: "Proponetelo tutti per un'Italia antifascista"

  • "Columbus, lo stabilimento di Martorano chiuderà nei primi mesi del 2020: a rischio centinaia di posti"

  • Senza patente distrugge tre auto e provoca un incendio, poi scappa: fermato giovane di Parma

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • Maltempo, perturbazione in arrivo: da giovedì neve a Parma

  • Choc in centro: "I ragazzini delle baby gang si lanciano sotto ai bus in marcia"

Torna su
ParmaToday è in caricamento